Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Difendono all’ONU l'empowerment e l’uguaglianza delle donne indigene

Nazioni Unite, 17 mar (Prensa Latina) Leader indigene partecipanti nella 61º Sessione della Commissione della Condizione Giuridica e Sociale della Donna (CSW) patrocinarono oggi per includere le originarie negli appelli di empowerment femminile e di uguaglianza di genere. 

 
In dichiarazioni ai giornalisti, la rappresentante quechua peruviana Tarcila Rivera e la membro della comunità del Camerun mbororo Aminatu Samiratu Gambo notò che le indigene continuano colpite in maniera molto pesante per la discriminazione e la mancanza di opportunità. 
 
Soffriamo una doppia discriminazione, per donne e per originarie, una situazione che merita molta più attenzione, segnalò Gambo. 
 
D’accordo con la giovane del Camerun, sebbene deve riconoscersi che la CSW includesse nei suoi dibattiti le indigene e da priorità al tema dell'empowerment  economico, la realtà delle aborigene ha cambiato molto poco. 
 
“Come parlare di empowerment in una comunità dove le bambine si sposano con 16 anni, e non possono neanche finire la scuola”, argomentò. 
 
Da parte sua, Rivera affermò che le indigene sono state per troppo tempo “invisibili”. 
 
“Dobbiamo avere una voce propria ed essere parte dei programmi e degli investimenti statali, solo così potremo avanzare nella partecipazione politica, economica e sociale”, disse. 
 
“Si tratta di una questione che ha bisogno di maggiore presenza nell'agenda delle Nazioni Unite”, ha concluso. 
 
Ig/wmr