Articles

L'Ecuador promuove l'uguaglianza di genere nella diplomazia

Quito, 22 feb. (Prensa Latina) La materializzazione dell'uguaglianza di genere in tutti i settori legati alla politica estera è l'obiettivo centrale di una politica che viene oggi dispiegata dalla cancelleria di questo paese sudamericano.

L’iniziativa è stata presentata ufficialmente dalla ministra degli Esteri Maria Fernanda Espinosa, e viene compilata in un documento di 79 pagine intitolato: “Politica pe l’ugualianza di Genere.”

Quattro aree di azione fanno parte del programma, incentrato sulla politica estera ecuadoriana, sulla gestione della mobilità umana, sulla cooperazione internazionale e all'interno della cancelleria.

L'idea è parte della crociata guidata dal presidente Lenin Moreno, volta a prevenire ed a sradicare la discriminazione e la violenza contro le donne, oltre a promuovere la loro partecipazione agli spazi di leadership e alla presa delle decisioni.

Nella sua presentazione, Espinosa ha evidenziato il lavoro dell'Esecutivo per promuovere una Legge per Sradicare la Violenza contro le Donne, necessaria in questa nazione andina, dove nel 2017 sono stati registrati 151 femicidi.

La rappresentante dell’ONU Donne in Ecuador, Bibiana Aido, ha sottolineato che l'iniziativa va al di là della stessa istituzione in cui è attuata, “è un esempio da replicare, ma, soprattutto, un passo fondamentale verso la concrezione dell'uguaglianza tra donne e uomini in un fronte fondamentale come è la presenza del paese e le sue relazioni nel contesto internazionale ".

Con la sua nuova politica dell’uguaglianza di genere in applicazione, l'Ecuador è diventato il primo Stato latinoamericano ad avere cosìdetto programma, su base globale, per le missioni diplomatiche.

omr/scm