Articles

Miele cubano conferma alti parametri di qualità per l’esportazione

Sancti Spiritus, Cuba, 15 mag (Prensa Latina) Più di 1300 tonnellate di miele d’api per l'esportazione sono state processate questo anno nell’Impianto di Beneficio di Sancti Spiritus, industria incaricata della maggior parte della produzione nazionale. 

 
Come ha dettagliato il suo direttore, Alberto Bravo, il centro garantisce standard di qualità superiori nella stagione attuale, tra gli altri fattori, grazie ai parametri di umidità favorevoli nel nettare raccolto, uno degli indicatori che esigono i mercati stranieri. 
 
L'entità, ascritta al gruppo Apicuba, ha superato le produzioni previste per i quattro primi mesi del 2018 per il beneficio e la trasformazione di miele da esportare, destinato fondamentalmente ai paesi dell'Unione Europea (UE). 
 
Detto processo, avallato dal 2014 con gli standard di qualità dell'UE, include la filtrazione del nettare per l'eliminazione di particelle maggiori ai 0,4 millimetri, come l'omogenizzazione e posteriore immagazzinamento in casseruole giganti tra 48 e 72 ore. 
 
Il miele ha un'accettazione molto alta ed è uno degli articoli con mercato sicuro, ed è l'unico prodotto che si può usare sia come alimento che come medicina, ha assicurato Bravo in dichiarazioni al periodico Escambray. 
 
Attualmente l'unità riceve la produzione di miele di dieci province cubane ed il municipio speciale dell’Isola della Gioventù, per completare circa il 70% di tutto il nettare cubano. 
 
Come novità, il centro di Sancti Spiritus processa inoltre i conosciuti mieli ecologici, meglio quotati sul mercato per essere liberi di insetticidi chimici ed antibiotici, prodotti fondamentalmente nell'occidentale provincia di Pinar del Rio. 
 
Inoltre, l’impianto fornisce il prodotto all'Azienda di Farmacie ed Ottiche, con l'incarico di produrre medicine con miele tra i suoi componenti. 
 
Fondato nel 1986, il centro possiede un record storico di 4935 tonnellate del prodotto raggiunte durante il 2016. 
 
Ig/ebr