Articles

L’OSA pretende frammentare i poteri pubblici del Venezuela

Caracas, 10 gen (Prensa Latina) L'Organizzazione degli Stati Americani (OSA) cerca di dissolvere la personalità del Venezuela, debilitare i suoi poteri pubblici e la governabilità della nazione, ha assicurato l'ambasciatore permanente di Caracas presso le Nazioni Unite, Samuel Moncada. 

 
“È la strategia del caos e della distruzione”, ha puntualizzato il funzionario in rifiuto all'accordo raggiunto dal Consiglio Permanente dell'ente per ignorare il nuovo periodo di governo del presidente Nicolas Maduro, che ha giurato questo 10 gennaio dinanzi alla Corte Suprema di Giustizia. 
 
D’accordo con la cancelleria della nazione sud-americana, il diplomatico venezuelano, intervenendo presso il Consiglio dell'OSA, dove è rappresentante alterno del suo paese, ha criticato l'atteggiamento interventista dei governi stranieri che concedono con la loro decisione se un governo è legittimo o no. 
 
“Questo potere non è in questo Consiglio, è un attributo che non gli appartiene, questa competenza è del popolo venezuelano che ha scelto il 20 maggio 2018 il presidente Nicolas Maduro”, ha affermato. 
 
Solo i cittadini di un paese possono decidere la legittimità dei loro governanti, nessun altro, ha enfatizzato l'ambasciatore. 
 
I paesi membri pensano che possono imporre un esecutivo burattino da Miami. Non esiste nessuna legge internazionale che possa sostenere questa nefandezza, solo il delirio di un gruppo di fuorilegge che pretende calpestare la volontà della società del paese, ha denunciato. 
 
Nell'atto di giuramento per il suo secondo mandato, Maduro ha confermato l'assistenza di rappresentanti di 94 paesi. Tra loro emergono Cuba, Bolivia, Nicaragua, Salvador, Cina, Irlanda, Bielorussia, Russia, Algeria, tra gli altri. 
 
Ig/ebr