Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Ricordano Fidel Castro nel congresso di Pedagogia 2019

L'Avana, 5 feb (Prensa Latina) Il leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, ed il suo lavoro nell'educazione, come abile guida di questi tempi, è stato ricordato oggi in questa capitale, nella prima giornata dei dibattiti del Congresso Internazionale di Pedagogia 2019. 

 
La presidentessa di onore dell'Associazione dei Pedagoghi di Cuba, dottoressa in Scienze Lesbia Gertrudis Canovas, ha ricordato i compiti svolti dallo statista agli inizi del trionfo rivoluzionario, tra questi la Riforma Integrale dell'Educazione e la trasformazione di 69 caserme in scuole, per più di 40 mila alunni. 
 
Inoltre, ha sottolineato la formazione dei maestri volontari appoggiati dai contadini agli inizi della Campagna di Alfabetizzazione, in gennaio del 1961, con lo stimolo della frase di Fidel: “al popolo non gli diciamo credi, gli diciamo leggi”. 
 
Canovas ha fatto allusione, nell'incontro inaugurato ieri, che il pensiero del leader sempre faceva riferimento alla passione per la pedagogia, per il superamento politico e per il lascito di Josè Martì, come eterno educatore. 
 
“La concezione che aveva Fidel dell'insegnamento lo conduceva verso la mobilitazione del popolo, convinto che con la partecipazione di tutti si poteva costruire una migliore società”, ha osservato. 
 
La presidentessa dell'Associazione dei Pedagoghi di Cuba ha affermato che la concezione di Rivoluzione per Fidel Castro, in quanto ad educazione e pedagogia, contiene il concetto dell’essere sociale e la sua interazione attiva e trasformatrice nelle persone. 
 
L'estensione nazionale ed internazionale che ha raggiunto l'esperienza del leader storico della Rivoluzione Cubana in materia di educazione popolare riafferma che i risultati ottenuti in questo campo sono stati visibili grazie alla sua messa a fuoco strategica che “quello che si crede impossibile è possibile”. 
 
Il Congresso Pedagogia 2019, che si celebra fino a venerdì nel Palazzo delle Convenzioni de L'Avana, pretende continuare a promuovere l'integrazione dell'America Latina, scambiare esperienze ed unire forze per poter lottare per un mondo migliore. 
 
Ig/rra