Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Forte odio contro Venezuela in riunione Colombia-Stati Uniti

Bogotà, 13 mag (Prensa Latina) Come produttiva ha qualificato oggi il presidente della Colombia, Ivan Duque, la riunione che ha sostenuto in questa capitale col senatore degli Stati Uniti, Rick Scott, con un programma contro il Governo costituzionale del Venezuela. 

 
Benché i nessi commerciali e la strategia di lotta contro il narcotraffico fossero temi abbordati durante l'incontro, l'asse centrale del dialogo è stato focalizzato nell'interesse comune di Washington e Bogotà nel rovesciamento del governo bolivariano. 
 
Nella sua dichiarazione al termine della riunione, il congressista del partito Repubblicano per lo stato della Florida ha fatto uso del suo abituale discorso aggressivo contro Venezuela e contro il suo legittimo presidente, Nicolas Maduro. 
 
“È molto importante non permettere che Venezuela si trasformi in un’altra Siria”, ha affermato Scott, che ha usato, inoltre, epiteti insultanti contro Maduro. 
 
Duque, da parte sua, considerato dalla Casa Bianca come il suo alleato più stretto nella crociata anti-venezuelana, ha detto che il suo governo ha promosso il cerchio diplomatico contro il paese vicino e che lo seguirà facendo. 
 
Ha perfino fatto un appello affinché appoggino la crociata come “un dovere morale di tutti gli Stati” della regione, attraverso il denominato Gruppo di Lima e l'Organizzazione degli Stati Americani, blocco allineato con le politiche interventiste di Washington. 
 
Il mandatario colombiano è anche intervenuto nella chiamata Concordia Americas Summit 2019 che si è realizzato a Bogotà, focalizzata nella situazione del Venezuela. 
 
Nell'appuntamento è stato nuovamente enfatico nel chiedere agli imprenditori latinoamericani partecipanti di aumentare le pressioni contro la Rivoluzione Bolivariana. “Siamo convinti che si richiedono più sanzioni”, ha manifestato Duque. 
 
Questo lunedì il governante colombiano si è riunito con Rick Perry, segretario di Energia degli Stati Uniti, e con Mark Green, amministratore dell'Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (Usaid). 
 
Ig/tpa