Articles

Tensione per patto in Colombia per modificare Accordo di Pace

Bogotà, 20 mag (Prensa Latina) Una riunione tra la presidenza della Colombia e leader dei partiti tradizionali mantiene oggi in tensione il paese per la sua agenda orientata a modificare l'Accordo di Pace. 

 
Il presidente del paese, Ivan Duque, ha convocato oggi i capi dei partiti Centro Democratico, Colombia Justa Libres, Mira, Liberal, Conservador, de la Unidad Social Nacional e Cambio Radical col fine di concretare riforme a quanto pattuito a L'Avana. 
 
Tuttavia, settori dell'opposizione hanno segnalato che costituisce un paradosso che il chiamato Patto Nazionale non abbia contemplato l'invito ai partiti oppositori come Alianza Verde, Colombia Humana, Polo Democratico Alternativo, Union Patriotica e Fuerza Alternativa Revolucionaria del Comun (FARC).
 
“Vediamo con preoccupazione che il presidente considera un patto di paese fatto con solo mezzo paese, il paese del passato, liberali e conservatori”, ha affermato la senatrice dell'Alleanza Verde, Angelica Lozano. 
 
Non può esistere un accordo nazionale senza rispetto della giustizia e senza rispetto della pace, ha indicato da parte sua il senatore ed ex candidato presidenziale di Colombia Umana, Gustavo Petro. 
 
Mentre la senatrice del FARC, Victoria Sandino, ha definito inaudito che “Duque voglia fare un patto e non convochi l'opposizione ed a quelli che abbiamo firmato l'Accordo di Pace. Non sappiamo che classe di patto potrà uscire da questo”, ha sentenziato. 
 
La preoccupazione è crescente a partire da voci del governante partito Centro Democratiche sostenitrici di abrogare o cambiare sostanzialmente la Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP), midollo dell'accordo negoziato tra lo Stato e l'ex-guerriglia Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia-Esercito del Popolo. 
 
Il leader del Centro Democratico ed ex presidente del paese Alvaro Uribe ha dichiarato che una delle proposte è riformare la partecipazione in politica dei membri del FARC, fatto che provocherebbe che i suoi congressisti debbano lasciare le loro poltrone. 
 
L'opposizione sostiene che la riunione di oggi quello che cerca è distruggere il processo di pace e generare l'idea che c'è una crisi istituzionale nel paese per promuovere misure eccezionali che distruggano la giustizia di transizione e con l'indipendenza delle alte corti in Colombia. 
 
Ig/tpa