Articles

Cuba difende la solidarietà internazionale tra i popoli

L'Avana, 10 lug (Prensa Latina) Nel 41º periodo di sessioni del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, Cuba difende la solidarietà internazionale tra i popoli, ha dichiarato il cancelliere dell'isola, Bruno Rodriguez. 

 
In un messaggio in Twitter, il capo della diplomazia di questa nazione caraibica ha criticato le azioni del Governo degli Stati Uniti che cercano di denigrare i programmi di cooperazione cubani con le altre nazioni. 
 
“Mentre gli Stati Uniti pretendono screditare i programmi cubani di cooperazione con i paesi fratelli, #Cuba continua difendendo, nel 41º periodo di sessioni del Consiglio dei #Diritti Umani, la solidarietà internazionale tra i popoli”, ha scritto Rodriguez nel suo account @BrunoRguezP. 
 
In reiterate occasioni l'amministrazione del presidente Donald Trump si è scagliata contro i cooperanti cubani, che aiutano le altre nazioni, come Venezuela, ed inoltre ha criticato la qualità dei professionisti dell'isola e li ha tacciati di vivere come schiavi, termine utilizzato anche dal presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, quando ha cancellato il programma Mas Medicos. 
 
Alla fine di giugno, il collaboratore cubano internazionalista, dottore Enmanuel Vigil, in un’intervista concessa alla BBC ha smentito l'accusa di “schiavitù” del quale sono stati oggetto i medici dell'Isola. 
 
In questo senso, Vigil ha sottolineato che ogni missione internazionalista in Cuba è volontaria. “Sono accordi tra Governi, per questo che ogni collaboratore sa che riceve una parte del guadagno monetario ed il resto entra nel Sistema Nazionale di Salute”, ha detto. 
 
Per anni, la maggiore delle Antille collabora con diverse nazioni dell'orbe in settori come salute, educazione e cultura, tra i vari settori, dimostrando la sua vocazione umanista e solidale. 
 
Attualmente circa 30 mila lavoratori del settore della Salute collaborano in 67 paesi. 
 
Ig/ybv