Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Investigatore degli USA risalta l’importanza della legge sui viaggi a Cuba

Washington, 2 ago (Prensa Latina) Approvare una legge di viaggi a Cuba concluderebbe la possibilità che hanno oggi i presidenti statunitensi di sacrificare il diritto di viaggiare sull'altare della politica elettorale, ha considerato uno studioso del tema. 

 
L'investigatore statunitense Peter Kornbluh, direttore del Progetto di Documentazione su Cuba nell'Archivio di Sicurezza Nazionale dell'Università George Washington, ha scritto, in un articolo pubblicato nella versione digitale della rivista The Nation, sulla recente introduzione nel Congresso della Legge della libertà affinché gli statunitensi viaggino a Cuba. 
 
Poche persone sono coscienti che Cuba è l'unica nazione nel mondo che è proibita dal parlamento statunitense per fare delle semplici ferie, ha segnalato l'esperto. 
 
Kornbluh ha ricordato che dalla fine dell'amministrazione di Dwight D. Eisenhower (1953-1961) fino alla decade degli anni 90, le restrizioni ai viaggi, il bloqueo imposto contro l'isola da quasi 60 anni, erano sotto l'autorità esecutiva dei presidenti. 
 
“Questo è cambiato nel 1996, quando Bill Clinton (1993-2001) ha firmato la Legge Helms-Burton che ha codificato il bloqueo come legislazione, insieme alle restrizioni dei viaggi; e dopo, nel 2000, il Congresso ha stabilito che il Segretario del Tesoro non può autorizzare transazioni vincolate con visite alla nazione antillana”. 
 
Per questo motivo ha considerato che l'approvazione del menzionato disegno di legge, introdotto questo mese nel Senato e nella Camera dei Rappresentanti, “metterebbe fine alla capacità di Trump, come a quella dei futuri presidenti”, di violare il diritto degli statunitensi a viaggiare in funzione di interessi elettorali. 
 
Tuttavia, ha riconosciuto che la normativa affronta una battaglia molto dura nel Congresso, dove, come ha già avvisato il leader della maggioranza repubblicana nel Senato, Mitch McConnell, non sarà presentata a votazione quest’anno. 
 
Ig/mar