Articles

Decine di morti e migliaia di sfollati provocati dagli attacchi turchi in Siria

Damasco, 10 ott (Prensa Latina) Decine di morti e migliaia di sfollati sono stati provocati dall'attacco turco contro regioni del nordest della provincia siriana di Hasaka, ha riportato oggi la catena nazionale di televisione Al Ikhbariya. 

 
D’accordo con le informazioni, le truppe turche hanno lanciato bombardamenti dell'aviazione e dell'artiglieria sulla città di Ras Al Ain ed hanno occupato 15 tra villaggi e fattorie, dove hanno causato almeno una dozzina di morti ed hanno obbligato allo sfollamento migliaia di abitanti della zona. 
 
Inoltre, le notizie hanno denunciato che le Forze Democratiche Siriane (FDS) che fino ad una settimana fa erano appoggiate dagli Stati Uniti, sono state scacciate dai villaggi di Yabse e Tel Fendis. 
 
Le truppe di Ankara continuano azioni offensive ad Al Darbasa, Al Malikiya e Qamishli, nell'oriente della provincia di Hasaka, dove sono presenti le FDS e le Unità Curde di Protezione (YPG). 
 
Allo stesso tempo, fonti del Partito Democratico Progressivo Curdo, presente a Rojava, la regione autonoma auto-dichiarata, hanno affermato che l'offensiva turca abbraccia un'ampia regione della provincia di Hasaka, da Kobane fino ad Al Malikiya e dove attaccano 181 obiettivi che sono sotto il controllo curdo. 
 
D'altra parte, mezzi di comunicazione delle FDS hanno dichiarato che vicino a Ras Al Ain i loro soldati hanno distrutto quattro carri armati ed hanno ucciso cinque soldati turchi, in mezzo a forti confronti nell'area. 
 
Turchia, nel nord di Aleppo e nella divisione amministrativa di questa provincia con quella di Hasaka, ha posizionato inoltre più di 10 mila soldati, con più di due centinaia di carri armati e blindati, rinforzati ora dalla presente offensiva. 
 
Questa presenza illegale, denunciata da Siria, si è incrementata a partire dall'anno 2016 e comprende perfino, installazioni amministrative, nuove norme per il sistema di educazione e di salute e la graduale espulsione di abitanti originali in un'area che abbraccia più di sei mila chilometri quadrati. 
 
Ig/pgh