Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Condannano un cittadino di origine cubana per traffico illegale di giocatori di baseball

Miami, USA, 31 gen (Prensa Latina) Una corte federale di questa città ha condannato Tomas Velez, di origine cubana, a quattro anni e nove mesi di prigione per operare una rete clandestina che trafficava giocatori di baseball dall'isola verso gli Stati Uniti, ha divulgato la stampa. 

 
Un'ardua investigazione portata a capo dall'Ufficio per il Controllo di Immigrazione e Dogane ha determinato che l'accusato apparteneva ad un'organizzazione criminale -di almeno cinque persone - che muovevano i giocatori di baseball cubani attraverso Messico, per entrare in territorio statunitense e così potere giocare nella Major League Baseball (MLB). 
 
I trafficanti hanno operato a Miami, in Messico, in Repubblica Dominicana e Haiti dal 2013 al 2018, e gli sportivi dovevano pagare ai contrabbandieri un 20% del loro futuro primo contratto nella MLB, in cambio dei loro servizi. 
 
Detenuto in giugno passato, Velez, di 45 anni, si è dichiarato colpevole dei delitti ed ha riconosciuto di aver ricevuto denaro dagli emigranti. 
 
Un operativo diretto dalla Marina Armata del Messico e la Polizia Statale Preventiva ha permesso di arrestare il cubano nel ristorante Mar Azul di Puerto Juarez. 
 
Nel momento della cattura trasportava una pistola Escuadra, di calibro 380 millimetri, con un caricatore modificato e nove cartucce dello stesso calibro e sette di un'altra arma, secondo l’informazione della polizia. 
 
Quindi è stato inviato negli Stati Uniti su richiesta delle autorità per essere processato per i suoi crimini. 
 
Inoltre, la Procura statunitense ha annunciato questa settimana la condanna di George Ferrer a nove anni di prigione per dirigere una rete che trafficava emigranti cubani verso gli Stati Uniti ed estorceva i loro parenti in Florida affinché pagassero per liberarli. 

Ig/am