Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Cuba denuncia tentativi degli USA di ostacolare la cooperazione medica

Nazioni Unite, 5 feb (Prensa Latina) La rappresentazione di Cuba presso l'ONU ha denunciato i tentativi del Governo degli Stati Uniti di ostacolare la cooperazione internazionale dell'isola caraibica. 

 
In risposta a dichiarazioni della delegazione statunitense, l'ambasciatore Oscar Leon, incaricato di negozio della missione cubana, ha respinto le manovre di Washington di politicizzare il lavoro della Giunta Esecutiva del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, il Fondo di Popolazione delle Nazioni Unite e l'Ufficio delle Nazioni Unite di Servizio per Progetti. 
 
In questo modo, ha sottolineato, tentano di ostacolare l'adozione del “Programma Paese” da parte di Cuba del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (PNUD) nel periodo dal 2020 al 2024. 
 
Il diplomatico ha descritto l'atteggiamento statunitense come azioni nocive per le pratiche e metodi di lavoro di questa Giunta Esecutiva di differenti organismi dell’ONU. 
 
Inoltre, ha aggiunto, risulta un deplorevole tentativo per deviare l'attenzione da quello che dovrebbe essere l'essenza delle discussioni: raggiungere un'effettiva assistenza per lo sviluppo. 
 
I danni economici miliardari accumulati in quasi 60 anni di bloqueo statunitense contro Cuba costituiscono il principale ostacolo allo sviluppo economico e sociale del paese e per l'implementazione del Piano Nazionale di Sviluppo Economico e l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, ha sottolineato Leon. 
 
Come ha dettagliato, il “Programma Paese” di Cuba è il risultato di un ampio processo partecipativo con la leadership di autorità nazionali ed in stretta coordinazione con la rappresentazione del PNUD a L'Avana, e nel quale condividono anche istituzioni e rappresentanti della società civile dell'isola. 
 
 
Ig/ifb