Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Sindaco di Crema riconosce il gesto solidale di Cuba

Roma, 21 apr (Prensa Latina) Il sindaco della città italiana di Crema, Stefania Bonaldi, ha qualificato oggi come un atto di gran generosità e solidarietà l'aiuto di Cuba per combattere il COVID-19. 

 
In dichiarazioni a Prensa Latina, Bonaldi ha fatto riferimento alla maniera in cui l'epidemia si è scagliata su questa città di circa 34 mila abitanti, situata in Lombardia, dal 21 febbraio scorso, quando è apparso il primo focolaio nella località vicina di Codogno. 
 
Racconta che questo fatto “ha generato nelle settimane successive un enorme lavoro nell'ospedale ed un alto tasso epidemiologico nel territorio”, fino a trasformare la provincia di Cremona in quella di maggiore densità di contagiati del paese con una media di 1,44 per ogni cento abitanti. 
 
Così, spiega, abbiamo dovuto chiedere aiuto ed è arrivato l'esercito italiano che ha montato un ospedale di campagna ed una brigata di 52 operatori sanitari cubani, tra medici ed infermieri, che si è messa a disposizione per gestire insieme ai sanitari italiani l'installazione temporanea e le emergenze del territorio. 
 
È stato un atto di gran generosità e solidarietà che abbiamo apprezzato e per il quale la nostra comunità è molto grata, un bel esempio di generosità, consacrazione e passione, che ci ha contagiato ed emozionato, ha dichiarato. 
 
Segnalando che “ora la situazione sta migliorando gradualmente e la pressione sul nostro ospedale è meno di prima”, il sindaco si riferisce al ruolo dell’ospitale di campagna, dove arrivano “pazienti stabilizzati ma necessitati di azioni di riabilitazione respiratoria”. 
 
In queste nuove circostanze, Bonaldi assicura che “un'altra volta la brigata cubana sarà di aiuto per gli operatori italiani, proprio per assistere questi malati”, in un bel esempio di dedizione ed altruismo, che ci fa sentire davvero molto grati, ha concluso. 

intervista in video
 
Ig/fgg