Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Presidente del Venezuela convoca all’unità delle forze politiche

Caracas, 30 lug (Prensa Latina) Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha convocato tutte le forze politiche ad unirsi ed ad partecipare alle elezioni parlamentari del prossimo 6 dicembre. 

 
Durante la commemorazione per i 20 anni della gran vittoria elettorale del comandante Hugo Chavez, che è stato ratificato il 30 luglio 1999 come Presidente della Nazione, con le nuove norme stabilite nella Magna Carta, Maduro ha sottolineato che l'unità è l'unica forma di salvare il paese. 
 
“Faccio un appello all'unione, alla base di tutti i partiti politici, di tutti i movimenti sociali. Non permettiamo che il divisionismo tenti di mettere il veleno. Richiamo all'unione del nostro popolo, per le glorie vissute, per le glorie che verranno”, ha detto. 
 
Dal Palazzo di Miraflores, a Caracas ha ricordato la gran vittoria elettorale, dove si è scelto il nuovo presidente della Repubblica, i deputati della nuova Assemblea Nazionale - già convertita in unicamerale - dopo l'approvazione della nuova Costituzione, sancita dal popolo nel 1999. 
 
“Venti anni, per costruire la Patria libera, indipendente e sovrana, per avere Patria, ed avanzare in tutti i fronti della costruzione del socialismo, compresa tutta questa tappa in cui hanno fatto guarimbas, attentati criminali, tentativi di assassinato del presidente, incursioni mercenarie, guerra economica, sanzioni criminali”, ha ricordato. 
 
Ha sottolineato la forza morale e politica della Rivoluzione bolivariana, davanti alle contrarietà ed agli attacchi dell’impero, per mantenere l'unione del popolo e di tutte le forze politiche del paese. 
 
Ha rammentato, inoltre, la situazione che ha vissuto Venezuela nel 2017, durante le chiamate guarimbas orchestrate dalla destra venezuelana, ed appoggiate dall’allora appena eletto, presidente, Donald Trump. 
 
Ha ricordato che in quel momento il paese era sommerso in un tentativo di guerra civile, promosso dalla destra, dove è stato assassinato il popolo, hanno bruciato vive 19 persone ed hanno incendiato istituzioni sociali e governative. 
 
Ha ricordato, per concludere, come la nuova Assemblea Nazionale Costituente ha messo fine a tutto ciò ed ha garantito la stabilità del paese. 
 
Ig/ycv