Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Scrittori di Cuba denunciano campagna mediatica contro artisti

L'Avana, 18 set (Prensa Latina) L'Unione degli Scrittori ed Artisti di Cuba (Uneac) si è pronunciata in questa capitale contro i recenti attacchi a poeti, attori, giornalisti, e musicisti dell'isola, come parte di una campagna finanziata dagli Stati Uniti. 

 
In un comunicato ufficiale, l'istituzione è ricorsa alla vergogna storica che caratterizza i creatori cubani ed ha denunciato gli atti di ignominia verso colleghi di traiettorie impeccabili che hanno deciso condividere il destino del nostro popolo. 
 
Emerge, inoltre, come “le minacce ed aggressioni grossolane rispondono al copione mediatico dettato per i neo-plattisti ed i loro padroni che da Washington e dalla Florida, denaro mediante e con la complicità di alcuni loschi figuri pretendono minare l'unità e distruggere sogni ed speranze”. 
 
Non potranno fare nulla contro il vigore, la diversità e la ricchezza della nostra cultura. Crediamo, inspirati da Martì, nel miglioramento umano e l'utilità della virtù, sottolinea la nota pubblicata nella web ufficiale dell'Uneac. 
 
Il documento raccoglie l'opinione dell'organizzazione che dirige l'avanguardia artistica nell'isola, specialmente, i membri delle commissioni permanenti di Educazione, Cultura e Società; Cultura, Genere ed Equità; ed la Josè Antonio Aponte, contro il Razzismo e la Discriminazione Razziale. 
 
La posizione dell'entità culturale si somma alle dichiarazioni di altre istituzioni dell'isola come il Ministero di Cultura e l'Istituto Cubano della Musica che hanno ripudiato la manovra di discredito contro artisti ed intellettuali residenti a Cuba in varie piattaforme di internet. 
 
Ig/chm