Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Cuba vuole rafforzare i legami con i suoi cittadini all'estero

Il rafforzamento del legame di Cuba con i suoi cittadini all'estero è oggi un processo continuo e irreversibile, affermano fonti del Ministero degli Esteri.


Il direttore generale degli Affari consolari e dei residenti cubani all'estero, Ernesto Soberon, ha confermato il giorno prima che a 42 anni dal dialogo promosso dal leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, questo è un principio che guida l'azione in questo settore.

Pertanto, il funzionario ha fatto riferimento alle attenzioni fornite durante la COVID-19 ai cubani fuori dai confini, come un'azione che dà continuità a quella politica.

Dialogando con la stampa, ha sottolineato che in questa fase le priorità sono state il mantenimento dei servizi consolari a distanza, l'attenzione ai cittadini contagiati dalla pandemia e l'accompagnamento dei parenti e degli amici dei defunti.

Allo stesso modo, i consolati hanno lavorato per il ritorno di oltre 5.700 cubani bloccati in 56 paesi e per assistere gli equipaggi di 12 navi da crociera e più di 20 navi mercantili.

Ha sottolineato che dai cosiddetti dialoghi del 1978 c'è stato un processo di costruzione della fiducia reciproca, basato su un franco scambio di opinioni su tutte le questioni che interessano coloro che vivono al di fuori della nazione caraibica.

Momenti differenti segnano ciò che è accaduto in questo tempo, ma tutte le misure adottate sono state passi avanti nella creazione di questi legami, ha detto.

Soberon ha assicurato che c'è una predisposizione favorevole della maggioranza dei cubani che vivono all'estero, compresi quelli che vivono negli Stati Uniti, a continuare a rafforzare i loro legami con il paese.

Molti di loro, ha aggiunto, partecipano ai processi che avvengono nella nazione caraibica, alludendo anche all'aumento del numero di coloro che decidono di mantenere la residenza permanente sull'isola.

Ha accennato all'aumento dei cittadini che viaggiano all'estero per motivi personali, ma anche di quei residenti in altri paesi che tornano per visitare o promuovere progetti di scambio e cooperazione.

Solo nel 2019, un totale di 623.831 cubani residenti all'estero sono tornati nella maggiore delle Antille per visitarla, la maggior parte di loro dagli Stati Uniti, secondo quanto dichiarato dal ministro degli Esteri Bruno Rodriguez all'inizio del 2020.

Il dato rappresenta un aumento del 3,9% rispetto al 2018; nel frattempo, tra il 2013 e il 2019, Cuba ha ricevuto 57mila richieste di reinsediamento nel Paese, di cui 36mila corrispondono a persone che vivono nella nazione settentrionale, secondo i dati del ministero degli Esteri.

I numeri parlano di un riavvicinamento all'emigrazione, che si evidenzia anche nello svolgimento di incontri come "Nazione ed Emigrazione", la cui ultima convocazione era prevista per aprile 2020, ma è stato necessario sospenderla a causa della COVID-19.

Queste azioni hanno un impatto positivo sui discendenti dei cubani nati in altre terre, un segmento che in maggioranza favorisce i rapporti con il luogo di origine delle loro famiglie, ha detto.

Nel caso specifico di coloro che vivono negli Stati Uniti, ha commentato che sono un settore che sostiene il miglioramento dei rapporti tra i due governi e l'eliminazione del divieto di viaggio sull'isola, aspetti che sono stati fortemente danneggiati dalle azioni dell'attuale amministrazione statunitense.

Il funzionario ha sottolineato che le misure degli Stati Uniti contro Cuba non solo cercano di soffocare la sua economia, ma anche di ostacolare i rapporti tra le famiglie da entrambi i lati dello Stretto della Florida.

Ne è un esempio la sospensione dei servizi consolari a L'Avana, che obbliga coloro che desiderano emigrare o recarsi nella nazione statunitense a trasferirsi in paesi terzi per richiedere il visto corrispondente.

Altri esempi sono la sospensione dei voli di linea e charter verso gli aeroporti internazionali, eccetto la capitale, e la riduzione in generale di tutti i voli dagli Stati Uniti.

Nonostante tutta questa ostilità e polarizzazione, nonostante la campagna di discredito promossa dalla Casa Bianca, la maggioranza dei cubani in quel paese è favorevole a un miglioramento delle relazioni, ha concluso Soberon.

 Karina Marron Gonzalez, giornalista di Prensa Latina