Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Gli Stati Uniti, un fiume agitato ma ... attenzione a Trump

Oggi gli Stati Uniti sono un fiume agitato in cui molti ostacoli sembrano impedire al pescatore Donald Trump di ottenere una rendita che gli consentirà di essere rieletto presidente.


Tuttavia, i media statunitensi mettono in guardia sui suoi piani per perpetuare i dubbi sul conteggio dei voti e seminare il caos dopo le elezioni del 3 novembre.

Non arrivando da nessuna parte in tribunale, lo sforzo frammentario di Trump per ribaltare la vittoria del presidente eletto Joe Biden si sposta su oscuri consigli elettorali che certificano il voto, riporta un'analisi dell'Associated Press (AP).

Il rapporto coincide con altri sbocchi sui tentativi della Casa Bianca di ignorare la vittoria democratica nelle elezioni e che ora si concentra sugli stati del campo di battaglia che hanno suggellato la vittoria di Biden.

Ci sono prove che tali azioni sembrano essere ispirate dalla retorica incendiaria di Trump sulla frode senza fondamento e guidate dalla docilità repubblicana verso ampi settori che sono contro il sistema elettorale della nazione mentre i tribunali statali e federali non considerano le sfide legali presentate dal presidente e dai suoi alleati, ha aggiunto.

Qual è la strategia di Trump?, si chiedono gli analisti quando affrontano i ritardi nella certificazione del risultato alle urne.

In questo momento, l'ex presidente ha richiesto un nuovo conteggio in due contee del Wisconsin ed in Georgia esegue un audit manuale dopo che Biden ha  vinto con uno stretto margine di 0,3 punti percentuali, ma nello stato non esiste una legge obbligatoria per il nuovo conteggio. La legge offre questa opzione a un candidato che è secondo se il margine è inferiore a 0,5 punti percentuali.

Tutto sembra indicare che Trump ed i suoi sostenitori rossi rimangono fiduciosi che ritardando la certificazione, le legislature statali che controllano avranno l'opportunità di selezionare diversi elettori, sia ribaltando la vittoria di Biden sia inviandola alla Camera, dove vincerebbe il candidato in carica quasi certamente, un fatto che gli esperti considerano chimerico.

Sabato 7 novembre, il democratico Biden si è assicurato abbastanza voti elettorali per succedergli in carica, anche se il presidente in carica si rifiuta di riconoscere la sua sconfitta.

Da allora è rimasto alla Casa Bianca senza attività in agenda ufficiale, brontolando per la sua sconfitta ma, in più, dà indicazioni che non starà fermo e lancia la sua rete da pesca per vedere cosa trova nel fiume che cerca di smuovere sempre di più.

Durante questo periodo, ha inviato più di 400 tweet o retweet, la stragrande maggioranza per rifiutare i risultati delle elezioni.

Qualche giorno fa si è avvicinato quando ha scritto domenica: "Ha vinto perché ...", ma ha subito chiarito "l'elezione è stata truccata" e, poco dopo, ha sostenuto in un altro tweet: "Non concedo NIENTE! Abbiamo una lunga strada da percorrere".

Nonostante la sua insistenza, vista da alcuni come un tentativo di guadagnare tempo, esperti di ogni genere, sia democratici che repubblicani, dichiarano che le elezioni di novembre sono state "le più sicure nella storia degli Stati Uniti".
A questo proposito, un'analisi di BBC Mundo cita esperti che sottolineano che il presidente potrebbe cercare degli altri obiettivi meno evidenti.

La BBC ha indicato che Trump aspira a rimanere attivo in politica dopo aver lasciato la Casa Bianca ed il suo rifiuto di accettare la vittoria di Biden cerca anche di mantenere mobilitata la sua base elettorale, forse con l'idea di candidarsi di nuovo alle elezioni presidenziali del 2024.

Luis Beaton, giornalista di Prensa Latina