Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Dirigente socialista del Venezuela sottolinea la resistenza del suo paese alle sanzioni

Caracas, 20 nov (Prensa Latina) Il primo vicepresidente del Partito socialista del Venezuela (PSUV), Diosdado Cabello, ha evidenziato oggi la capacità di resistenza e la volontà di superare gli effetti delle misure coercitive attuate dagli Stati Uniti.


Durante un incontro con i lavoratori della Petróleos de Venezuela (PDVSA) di proprietà statale, nello stato di Monagas, il dirigente socialista ha sottolineato la dedizione dei lavoratori del settore per mantenere in funzione la principale industria del paese.

Cabello ha ricordato le difficoltà incontrate dal settore petrolifero venezuelano negli ultimi anni per accedere a fonti di finanziamento, nonché per l'acquisto di forniture e ricambi sul mercato internazionale, a causa del blocco economico, commerciale e finanziario di Washington.

Allo stesso modo, ha ribadito il rifiuto del settore di estrema destra guidato dall'oppositore Juan Guaidó - riconosciuto dall'amministrazione di Donald Trump come presidente in carica - per aver cospirato per cedere il controllo delle risorse strategiche e promuovere l'imposizione di sanzioni contro il Paese.

Le azioni di persecuzione finanziaria, espropriazione di beni ed embargo sul commercio internazionale del Venezuela hanno causato la caduta della produzione nazionale degli idrocarburi del 66,5% tra il 2014 ed il 2019, secondo i dati ufficiali.

Tra il 2015 ed il 2019, la nazione sudamericana ha smesso di produrre un totale di 1.195 milioni di barili di petrolio ed ha smesso di ricevere guadagni nell'ordine di 65 miliardi di dollari.

Ig/wup