Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Venezuela denuncia la provocazione delle esercitazioni militari Usa-Guyana

Caracas, 11 gen (Prensa Latina) La vicepresidentessa del Venezuela, Delcy Rodríguez, ha denunciato oggi la provocazione e la minaccia degli Stati Uniti alla sovranità ed alla stabilità regionale derivante dallo sviluppo di esercitazioni militari congiunte con Guyana.


In una conferenza stampa dal Palazzo Miraflores (sede del Governo), la vicepresidentessa ha denunciato la presenza nella regione di una nave della guardia costiera statunitense, sottolineando che le autorità venezuelane restano vigili per qualsiasi incursione nelle acque giurisdizionali durante le manovre.

Rodríguez ha affermato che queste azioni promosse dall'amministrazione Donald Trump nei suoi ultimi giorni hanno lo scopo di creare provocazioni, minacce ed attacchi contro il popolo venezuelano, oltre ad interferire nella controversia territoriale sulla regione di Guayana Esequiba.

In questo senso, il dignitario ha ricordato le ripetute proteste contro le operazioni in quella fascia territoriale della compagnia petrolifera Exxon Mobil, consentite da Georgetown unilateralmente ed in violazione dei trattati internazionali approvati per la risoluzione della controversia di confine.

Rodríguez ha respinto la posizione della Guyana di rivolgersi alla Corte Internazionale di Giustizia come un modo per risolvere la controversia, lungi dal dimostrare una volontà di dialogo e cercare meccanismi di negoziazione; "Venezuela non ha mai dato il suo consenso di violare l'Accordo di Ginevra del 1966", ha detto.

A sua volta, il ministro della Difesa, Vladimir Padrino, ha annunciato il dispiegamento di risorse navali ed aeree della Forza Armata Nazionale Bolivariana (FANB) sulla facciata atlantica per garantire la sovranità degli spazi geografici nel far fronte alle esercitazioni militari tra gli Stati Uniti e il paese vicino.

Il ministro ha confermato che le manovre congiunte rappresentano una minaccia contro la pace dell'intera regione, oltre che una chiara provocazione agli interessi del Venezuela.

Ig/wup