Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

La corsa ai vaccini contro la COVID-19 a Cuba ha quattro vincitori

Il raggiungimento di vaccini efficaci contro la COVID-19 è una sfida costante per gli scienziati; e avere quattro candidati negli studi clinici allo stesso tempo costituisce una sfida più ampia che oggi Cuba deve affrontare.

Soberana 01, Soberana 02, Mambisa e Abdala, sono la proposta dell'isola caraibica per affrontare la pandemia e si spera possano permettere la vaccinazione di gran parte della popolazione nel 2021. 

Ma in quale fase si trova ciascuno di questi candidati? Chi è incluso nelle seguenti fasi di studio e quali sono le date più vicine per passare alle fasi successive?

A tutte queste domande è stata data risposta durante un'apparizione virtuale presso la sede dell'Organizzazione Panamericana della Sanità a L'Avana, i responsabili di ogni vaccino: l'Instituto Finlay con Soberana 01 e Soberana 02; e il Centro di Ingegneria Genetica e di Biotecnologia (CIGB) con Mambisa e Abdala.

Riferendosi a Soberana 01, il direttore dell'Istituto Finlay, Vicente Vérez, ha spiegato che questo candidato costituisce un possibile richiamo ideale dell'immunità nei pazienti convalescenti del coronavirus SARS-CoV-2, l'agente patogeno che causa la COVID-19, e anche dei vaccinati con prodotti biotecnologici.

Il primo progetto che l'isola caraibica ha presentato nell'agosto del 2020, ha già dimostrato un'elevata sicurezza nella fase I dei suoi studi, senza effetti negativi nelle persone convalescenti dalla malattia.

Vérez ha sottolineato che la capacità neutralizzante del siero di coloro che si sono recuperati dalla COVID-19 a cui hanno inoculato Soberana 01, si è moltiplicata 200 volte.

Ha affermato che questa esperienza dimostra l'importanza di rafforzare i vaccini contro la COVID-19 ed è stato deciso di utilizzare a tale scopo Soberana 01 fino a una terza dose.

Ha inoltre specificato che la fase II / III degli studi clinici di Soberana 01 dovrebbe iniziare questo mese con programmi a due e tre dosi al fine di preparare la popolazione ad affrontare scenari pandemici più complessi.

Lo stadio III ha concepito uno studio con placebo e un altro in cui verranno applicate più dosi a persone non immunizzate per verificare i risultati.

D'altra parte, ha annunciato Vérez, Soberana 02 dovrebbe iniziare i suoi studi clinici di fase III il 1° marzo.

Per quel periodo ci saranno circa 150mila dosi e si valuta anche l'utilizzo di una terza dose ad azione rinforzante per indurre una risposta immunitaria di neutralizzazione virale.

Ha sottolineato che alla fine di febbraio inizierà la sperimentazione clinica con entrambi i vaccini (Soberana 01 e 02) nella popolazione pediatrica.

I pazienti di età compresa tra i cinque e i 18 anni saranno inclusi al fine di garantire la sicurezza nelle fasi scolastiche e i bambini di età compresa tra zero e cinque anni non riceveranno l'iniettabile, poiché il loro sistema immunitario è esposto ad vaccini.

Allo stesso modo, anche la popolazione con più di 80 anni non farà parte degli studi, poiché, come ha affermato il direttore del Finlay, il loro sistema immunitario non è forte e non produce tanti anticorpi.

Riguardo a Mambisa e Abdala, sviluppato dal CIGB, la dott.ssa Marta Ayala, direttrice del centro, ha sottolineato che, se Abdala continua con il suo progresso favorevole, il paese potrebbe registrarsi nelle istanze internazionali e iniziare l'immunizzazione dal prossimo agosto.

Questo prodotto inizia oggi la sua fase II di studi clinici con circa 680 volontari e si stima inizierà la fase III intorno al 15 marzo.

I risultati preliminari per Abdala indicano profili favorevoli di sicurezza e reattogenicità, senza reazioni avverse gravi. Inoltre, ha dimostrato l'immunogenicità e la capacità neutralizzante del virus.

Da parte sua, anche Mambisa, l'unico dei quattro candidati cubani per la somministrazione nasale, è stato ben tollerato e ha dimostrato sicurezza nelle persone che l'hanno ricevuto durante la fase I della loro sperimentazione clinica, ha detto Ayala.

La corsa cubana alla ricerca di un vaccino contro la COVID-19 si è rivelata non una competizione, ma un obiettivo comune, che avrà senza dubbio quattro vincitori.

 

Claudia Dupeyrón García, giornalista di Prensa Latina