Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Dichiarano in Haiti che l'installazione di un governo di transizione è imminente

Porto Principe, 10 feb (Prensa Latina) Gli oppositori al governo di Haiti hanno assicurato oggi che l'insediamento del governo di transizione è imminente, anche se per il momento il presidente Jovenel Moïse invece afferma di continuare nel suo incarico.

"È solo questione di tempo prima che Jovenel Moïse venga evacuato dal Palazzo Nazionale e il potere effettivo sia esercitato da Joseph Mécène", ha detto Danio Siriac, portavoce della Direzione politica dell'opposizione (Dirpod).

Questa frangia dell'opposizione, insieme alle organizzazioni sociali, religiose e alla magistratura, sostiene che il mandato di Moïse è terminato domenica scorsa e senza votazioni generali il paese non ha un governo legittimo.

"Non ci sono state elezioni quando erano necessarie e, ora che il mandato quinquennale del presidente Jovenel Moïse è scaduto, il posto vacante presidenziale deve essere riempito", ha detto a una stazione di radio locale l'anche membro del partito Organizzazione del Popolo in Lotta.

Il governo, d'altra parte, ha descritto Mécène come un usurpatore del titolo e ha sottolineato che il suo posizionamento viola la Costituzione e ha indicato che potrebbe subire la stessa sorte del suo collega, Yviquel Debrézil.

Debrézil è stato arrestato domenica insieme a una ventina di persone e accusato di cospirazione contro la sicurezza interna dello Stato, presumibilmente per partecipare a un tentativo di golpe di stato.

Intanto nelle strade, oggi i manifestanti hanno marciato per chiedere la fine della "dittatura", e sono stati sistematicamente repressi dalla polizia con lacrimogeni e colpi di bastoni.

Almeno un giornalista è rimasto leggermente ferito, mentre gli agenti hanno gassato  direttamente una squadra di stampa televisiva.

 

Ig/ane