Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Siria e Israele scambiano prigionieri con mediazione russa

Damasco, 19 feb (Prensa Latina) Le autorità di occupazione israeliane hanno rilasciato oggi tre cittadini siriani detenuti nelle loro carceri, in uno scambio condotto con mediazione della Russia.

Come parte degli sforzi dello Stato siriano per liberare i suoi cittadini detenuti in Israele, sono stati rilasciati i prigionieri Mohammed Ahmad Hussein e Tarek Ghassab Al-Obeidan, nativi della provincia di Quneitra, e Nihal Al-Mukt, ha riferito l'agenzia.

I primi due sono pastori arrestati da Israele per aver oltrepassato la linea di separazione e accusati di essere agenti che spiano per conto della Siria e del movimento di resistenza libanese Hezbollah.

Le autorità sioniste hanno consegnato i due rilasciati ai delegati della Croce Rossa Internazionale al posto di confine di Quneitra, controllato da una forza di osservatori delle Nazioni Unite.

L'attivista militante Nehal Al-Mukt, che ha rifiutato le condizioni delle autorità di occupazione israeliane di abbandonare il Golan occupato e andare in Siria, è stata rilasciata e alla fine hanno accettato che potesse ritornare nella sua città natale.

Nehal Al-Mukt, una donna di Majdal Shams, una città del Golan siriano occupato, situata sulla stessa linea di demarcazione con il paese arabo, era stata condannata a tre anni di prigione e di recente stava scontando gli arresti domiciliari dopo essere stata accusata di spiare i movimenti delle truppe israeliane.

Nello scambio, le autorità di Damasco hanno rilasciato una donna israeliana di 20 anni arrestata dopo essere entrata nel territorio siriano, secondo lei, per errore.

La ragazza verrà rilasciata e viaggerà da Damasco a Mosca prima di prendere un volo per l'aeroporto di Tel Aviv.

Nel gennaio del 2020, Israele ha rilasciato Sudqi Al-Muqt, il decano dei prigionieri siriani, che ha trascorso 32 anni in prigione, sempre a seguito della mediazione russa, e in cambio della restituzione dei resti di un soldato sionista.

 

Ig/fm