Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

I falsi positivi distruggono l'autorità morale del presidente colombiano

L'Avana, 19 feb (Prensa Latina) Le denunce aumentate a livello esponenziale dei cosiddetti falsi positivi in Colombia distruggono oggi l'autorità morale del presidente Iván Duque e le posizioni politiche di destra che rappresenta, mentre lui invece critica la condotta delle altre nazioni.

Falsi positivi è il termine usato per riferirsi a civili uccisi dai militari e segnalati come combattenti nemici per giustificare la loro morte nel contesto del conflitto interno che ha contrapposto lo stato alle organizzazioni di guerriglia.

La questione è difficile da gestire per le parti coinvolte e le istituzioni e le organizzazioni incaricate di indagare, perché coinvolge alti livelli di varie amministrazioni colombiane e la leadership militare, che è macchiata dai processi aperti contro 22 dei suoi generali.

Nel 2008 è scoppiato lo scandalo dei “falsi positivi”, per il quale migliaia di persone hanno protestato in Colombia.

Le forze militari colombiane hanno ucciso almeno 6.402 civili tra il 2002 e il 2008 e li hanno presentati come "vittime in combattimento", ha riferito giovedì la Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP).

Il numero dei "falsi positivi", come vengono chiamati in Colombia, è superiore a quanto riconosciuto in passato e dimostra che quel periodo, in cui governava Álvaro Uribe, che respinge le accuse, "è stato registrato il 78% del totale della vittimizzazione storica ".

L'ex senatrice Piedad Córdoba ha ricordato sui social media che mentre scandali come falsi positivi si stanno rivelando nel paese e leader sociali e firmatari dell'accordo di pace vengono assassinati quasi ogni giorno, il presidente Duque sposta l'attenzione sugli affari interni di altri paesi come Venezuela.

Il presidente Duque è considerato una continuazione della politica di destra di Álvaro Uribe, che ha guidato il paese negli anni in cui si registrano falsi positivi e ha applaudito l'efficacia dei militari nella lotta contro l'insurrezione sotto la sua politica di sicurezza.

Tuttavia, al momento non ci sono dati che confermano che Uribe stia rispondendo alla giustizia, che ha indagini aperte per manomissione di testimoni e frode procedurale legata al paramilitarismo.

Mentre Duque mette in dubbio la situazione dei diritti umani in altri paesi,  Colombia ha milioni di sfollati a causa della guerra, 80.000 scomparsi, migliaia di rapiti e spende milioni di dollari nel ministero della difesa, ha ricordato Córdoba sul suo profilo di Twitter.

Altre personalità del paese sudamericano, come l'ex presidente Ernesto Samper sottolineano l'importanza del lavoro della JEP in contrasto con quello svolto dalla procura, e fanno un appello per sostenere questa istituzione affinché si possa scoprire la verità su quanto accaduto nel conflitto.

Altri come il senatore ed ex candidato alla presidenza, Gustavo Petro, convocano ad una reazione da parte del popolo, e pensano che si dovrebbe togliere il potere agli "autori politici di un crimine così grave contro l'umanità".

Lo spettro della guerra continua a perseguitare Colombia anche se la principale organizzazione ribelle, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia- Esercito del Popolo, ha firmato e rispetta l'accordo di pace del 2016.

 

Ig/avs