Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

A Ginevra, Palestina chiede la fine dei crimini israeliani

Ginevra, 22 feb (Prensa Latina) Il ministro degli Esteri palestinese, Riyad al-Malki, ha chiesto oggi al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite la cessazione dell'occupazione e dei crimini di Israele e ne ha denunciato l'aumento nonostante la COVID-19.

Nel primo giorno del segmento ad alto livello della 46º sessione del Consiglio, il funzionario ha ribadito l'urgenza per la comunità internazionale, e in particolare i membri di questo organismo delle Nazioni Unite, di sostenere il diritto palestinese all'autodeterminazione, a uno stato con la sua capitale a Gerusalemme Orientale e il ritorno dei profughi.

Israele approfitta della pandemia per intensificare i suoi attacchi, cosa che fa impunemente e davanti agli occhi delle Nazioni Unite e ai suoi appelli, ha denunciato.

Secondo al-Malki, aumentano la costruzione di insediamenti nei territori occupati, le espulsioni dei palestinesi dalle loro case come parte della colonizzazione e del blocco della Striscia di Gaza, e "Gerusalemme Orientale è sempre più ebraica".

La potenza occupante continua a non adempiere alle proprie responsabilità, non fornendo vaccini, bloccando gli aiuti e influenzando la salute e l'istruzione, ha avvertito.

Il ministro degli Esteri ha messo in dubbio che, nonostante questa realtà, alcuni paesi vogliano eliminare il punto sette dall'agenda del Consiglio per i Diritti Umani, dedicato alla questione palestinese.

Questo è uno dei pochi meccanismi che proteggono il popolo palestinese ed è vitale per garantire i loro diritti umani, motivo per cui coloro che cercano di eliminarlo sostengono i crimini commessi da Israele durante 54 anni, ha concluso.

 

Ig/wmr