Articles

Parlamento cubano denuncia il bloqueo degli Stati Uniti nell'agenda internazionale

L'Avana, 22 feb (Prensa Latina) La denuncia della politica ostile degli Stati Uniti e il rafforzamento dei legami multilaterali ha focalizzato il lavoro internazionale dell'Assemblea Nazionale del Potere Popolare di Cuba (ANPP) nel 2020, secondo quanto riportato oggi dal suo portale web.

Durante un bilancio virtuale sul loro lavoro lo scorso anno, i membri della Commissione per le Relazioni Internazionali del Parlamento hanno insistito per rafforzare la diffusione delle verità sulla nazione caraibica e la sua giusta lotta contro le aggressioni intensificate di Washington.

Il lavoro del gruppo parlamentare si è svolto in uno scenario complicato, caratterizzato dalla disastrosa politica statunitense e dall'impatto della COVID-19 che ha modificato il programma di lavoro con le altre nazioni, ha affermato la responsabile della Commissione, Yolanda Ferrer.

Da parte sua, il vicepresidente della sezione, Alberto Núñez, ha ringraziato la posizione dei parlamentari stranieri nel rifiuto delle aggressioni statunitensi, il riconoscimento dell'operato del Contingente Henry Reeve contro la COVID-19 e la sua nomina al Premio Nobel per la Pace.

I deputati hanno inoltre esaminato il raggiungimento degli obiettivi proposti per il 2020, in particolare, la difesa dei principi della politica estera della Rivoluzione e il continuo sviluppo delle relazioni parlamentari bilaterali e multilaterali.

Tra le azioni più significative ci sono state l'accoglienza, tra gli altri, del presidente del Parlamento panafricano, del Gruppo parlamentare di amicizia con Cuba al Senato del Congo e del Gruppo dell'Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici del Parlamento Europeo.

Allo stesso modo, si è distinta la partecipazione del presidente dell'ANPP, Esteban Lazo, nell'incontro tenutosi con gli ambasciatori dei Caraibi, per offrire ampie informazioni sulla nuova Costituzione cubana e sull'intenso iter legislativo.

 

Ig/ebr