Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Il presidente boliviano parla dei diritti di Áñez in carcere

La Paz, 26 mar (Prensa Latina) Il presidente della Bolivia, Luis Arce, ha assicurato che il suo governo non viola i diritti dell'ex presidentessa de facto Jeanine Áñez, attualmente incarcerata e in processo giudiziario, ha pubblicato oggi il quotidiano Los Tiempos.

 

Arce ha sottolineato che hanno dato istruzioni affinché Áñez avesse tutti gli elementi in prigione, cosa che non è successa quando i suoi colleghi del Movimento per il Socialismo (MAS) sono stati imprigionati (dopo il golpe di stato del 2019), secondo un'intervista al quotidiano messicano La Jornada, citato dal quotidiano boliviano.

 

Il presidente ha ricordato che durante l'amministrazione de facto c'erano colleghe del movimento che hanno perso i loro bambini in prigione mentre erano incinte, e altri nelle cliniche erano legati con catene ai letti in modo che non scappassero, mentre adesso l'ex presidentessa scrive messaggi su Twitter, riceve i giornalisti e la sua famiglia.

 

"Rispettiamo i diritti umani e il giusto processo, quelli che non li hanno mai rispettati sono stati loro", ha sottolineato il presidente boliviano.

 

Per quanto riguarda il caso del golpe di stato, il processo giudiziario seguito da Áñez, i suoi ex ministri e collaboratori, Arce ha specificato che è nelle mani della giustizia boliviana e sono attualmente allo studio i tristi eventi causati dai leader del golpe.

 

Ha sottolineato che la destra non vuole ricordare questi eventi, e né la stampa né i politici, non menzionano mai i 36 assassinati, più di duemila feriti, cinquemila arresti, persecuzioni politiche, intimidazioni e ricatti fatti durante il regime di Áñez.

 

"In realtà, la violazione delle garanzie di base è avvenuta in modo catastrofico nel periodo neoliberista della dittatura del governo de facto di destra", ha concluso il presidente.

 

Ig/dla