Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Damasco considera la V Conferenza di Bruxelles come uno spettacolo mediatico

Damasco, 30 mar (Prensa Latina) Siria ha criticato oggi presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite la Conferenza "Bruxelles-V", che ha descritto come uno spettacolo di propaganda, hanno riferito i media locali.

 

I partecipanti a quella conferenza affermano che si tratta di un forum per aiutare i siriani, ma in realtà è un incontro di esibizione che è inutile in assenza di Damasco, ha detto il delegato siriano presso le Nazioni Unite, Bassam Sabbag.

 

Ha aggiunto che è diventata una piattaforma per attaccare e screditare Siria e per politicizzare il lavoro umanitario al servizio delle agende di alcuni paesi.

 

Secondo il diplomatico, alcuni Stati membri del Consiglio di Sicurezza ignorano volutamente gli effetti disastrosi delle sanzioni economiche imposte al popolo siriano, ed il fatto rivela che non cerca lavoro umanitario ma piuttosto raggiunge obiettivi politici sfruttando quella situazione.

 

Le misure coercitive illegali, l'ultima delle quali è la cosiddetta "Legge Cesare '' imposta da Washington, rappresentano il terrorismo economico e la punizione collettiva e sono all'origine della crisi economica che sta attraversando il popolo siriano, ha affermato.

 

Ha anche respinto la politica delle condizioni e dei dettami e ha affermato che ostacola il processo di ricostruzione e impedisce la creazione di un ambiente favorevole per il ritorno volontario e dignitoso dei rifugiati.

 

Le misure coercitive unilaterali sono fattori che non contribuiscono alla ricostruzione o alla creazione di condizioni adeguate per raggiungere una soluzione politica e ripristinare la stabilità in Siria, ha detto Sabbagh.

 

Ha concluso il suo intervento sottolineando che il centro dell'azione umanitaria in Siria dovrebbe essere Damasco e non altre città nei paesi vicini o più lontani.

 

L'Unione Europea (UE) e l'ONU hanno convocato telematicamente la V Conferenza di Bruxelles, che si è svolta il 29 e 30 di questo mese, con il presunto obiettivo di raccogliere fondi per gli aiuti umanitari in Siria.

 

Ig/fm