Articles

Denunciano 53 omicidi in Colombia nel contesto dello sciopero

Bogotà, 14 mag (Prensa Latina) L'organizzazione non governativa Lazos de Dignidad ha rivelato oggi che, dopo 16 giorni di proteste in Colombia, 53 persone sono morte a causa della violenza della polizia.

 Secondo il suo rapporto più recente, che comprende dati sulla violazione dei diritti umani nel contesto dello sciopero nazionale, 341 persone sono state vittime di violenza fisica. Allo stesso modo, ha registrato 1.431 casi di detenzioni arbitrarie "che dimostrano che alle persone detenute non sono garantiti i loro diritti, perché una volta arrestati, sono soggetti a violenza fisica e verbale".

In questo scenario, Lazos de Dignidad ha denunciato 551 persone scomparse dall'inizio delle proteste, il 28 aprile, 423 casi di repressione della polizia, 29 persone con lesioni agli occhi e 30 atti di violenza di genere. "Abbiamo dimostrato che le agenzie di controllo e sorveglianza sono state assenti quando si tratta di denunciare gli eccessi della forza pubblica", ha concluso l'organizzazione non governativa che difende i diritti umani.

Ig/otf