Articles

Gli Stati Uniti rafforzano la loro presenza in Siria e ne saccheggiano il grano e il petrolio

Damasco, 14 mag (Prensa Latina) Le forze statunitensi hanno rafforzato le loro basi illegali in Siria con nuovi lotti di materiale bellico, e allo stesso tempo hanno inviato in Iraq dozzine di camion con grano e petrolio siriani, oggi hanno riferito i media.

 Una carovana di 55 veicoli blindati e camion di armi e munizioni si è diretta verso le basi statunitensi nella zona ricca di petrolio di Remelan nel nord-est della provincia di Hasakeh, ha riferito la televisione di stato.

 È il quarto convoglio di questo genere in meno di una settimana ed è entrato nel paese attraverso il valico di frontiera illegale di Al-Walid dal nord dell'Iraq.

 Allo stesso modo, almeno 118 camion con grano e petrolio siriano sono partiti in tre carovane per l'Iraq negli ultimi due giorni, sorvegliati da veicoli ed elementi delle cosiddette Forze Democratiche Siriane, una formazione separatista sponsorizzata dall'amministrazione statunitense.

 Hasakeh è la più grande provincia produttrice di petrolio e grano del paese e il furto da parte del Pentagono di questi due materiali ha generato una crisi di pane e idrocarburi che ha costretto il paese a importarli tra le difficoltà derivanti dal blocco economico e dalle sanzioni della potenza nordica.

 Washington ha almeno una dozzina di basi in Siria, principalmente nei giacimenti di petrolio e di gas nella regione nord-orientale di Al-Jazeera, principalmente ad Hasakeh, pur mantenendone una nell'area di Tanef al confine con l'Iraq per impedire qualsiasi comunicazione terrestre tra questi due paesi.

 Il governo di Damasco ha ripetutamente denunciato la presenza illegale di truppe statunitensi, che ha descritto come occupazione, e ha assicurato che le azioni del Pentagono in Siria incoraggiano l'attività terroristica e mirano a destabilizzare il paese e saccheggiare le sue ricchezze.

 Ig/fm