Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Raúl Castro celebra nove decenni di servizio a Cuba

Raúl Castro ha raggiunto i suoi nove decenni di vita lontano da posizioni governative e politiche a Cuba, ma con una forte leadership tra i cittadini del paese.

Così lo considera Aleida Fernández, residente in pensione del comune del Cerro nella capitale, per chi Raúl, è un riferimento obbligato per dedicare tutta la sua vita alla costruzione di una società migliore.

"Si è guadagnato un posto nel cuore della gente non solo per le sue azioni contro la tirannia di Fulgencio Batista (1952-1958), o per la fiducia che Fidel Castro ha sempre avuto in lui, ma per la chiarezza con cui parlava e il modo in cui affrontava i problemi, senza mezzi termini", ha detto a Prensa Latina.

Maricela Rodríguez, insegnante di scuola elementare nel comune di Centro Habana, è stata molto commossa dalle parole del leader rivoluzionario nell'8º Congresso del Partito Comunista dell'isola (PCC), tenutosi lo scorso aprile.

"Ero piena di ammirazione per il modo in cui ha lasciato tutti i suoi incarichi e allo stesso tempo ha riaffermato la sua fedeltà a Cuba, all'opera costruita da tutti, ma di cui è senza dubbio è stato uno dei protagonisti", ha detto.

Proprio la modestia è una delle qualità riconosciute a chi ha fatto parte parte della cosiddetta Generazione del Centenario, che ha assaltato la caserma Moncada a Santiago de Cuba, nel luglio del 1953, e ha iniziato la lotta che culminò con il trionfo del 1959, con il fratello Fidel Castro.

Questo è stato uno dei valori evidenziati dal primo segretario del Comitato Centrale del PCC, Miguel Díaz-Canel, durante la chiusura dell'ultimo congresso di quell'organizzazione.

Tenacia, alto senso del dovere e del momento storico, serenità, maturità, fermezza rivoluzionaria e altruismo sono state le qualità che ha segnalato nel Generale dell'Esercito.

"La sua leadership alla guida del paese nell'ultimo decennio è stata colossale", ha detto Díaz-Canel, aggiungendo che la loro resistenza alle minacce e alle aggressioni rimarrà un paradigma per i cubani.

L'anche presidente della nazione caraibica ha fatto riferimento alla traiettoria di Raúl Castro, dalle proteste contro il golpe di stato del 10 marzo 1952, ai giorni della guerriglia.

Allo stesso modo, ha evocato la creazione del II Fronte Orientale Frank País e, dopo il trionfo rivoluzionario, i quasi 50 anni in cui ha diretto il Ministero delle Forze Armate Rivoluzionarie e per tutto il tempo in cui è stato secondo segretario del PCC.

Díaz-Canel si è soffermato sul lavoro che ha sviluppato nella direzione del paese (2006-2018), nel mezzo di una difficile situazione economica e sociale, e durante il quale ha forgiato consensi e promosso "cambiamenti strutturali e concettuali profondi e necessari" per l'aggiornamento del modello economico e sociale cubano.

Tra le tappe citate, la rinegoziazione del debito pubblico, la modifica della legge sulle migrazioni, le trasformazioni nel settore agricolo, l'espansione delle forme di gestione non statali, la nuova legge sugli investimenti esteri e la creazione della Zona Speciale dello Sviluppo del Mariel.

Allo stesso modo, ha sottolineato la diplomazia con cui Raúl Castro ha ottenuto il rilascio dei Cinque combattenti antiterroristi cubani imprigionati negli Stati Uniti e ha guidato il processo di colloqui e negoziati per il ristabilimento delle relazioni diplomatiche con quel paese.

Ha ponderato le sue qualità di statista e difensore dell'integrazione latinoamericana, con appoggi forti nel periodo di Cuba come presidente pro tempore della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici, con la dichiarazione della regione come Zona di Pace.

Díaz-Canel ha ringraziato il Generale dell'Esercito per "l'esempio, la spinta, la forza e la fiducia", per essere un uomo che ha ricevuto tutti i riconoscimenti rimanendo modesto, e un leader politico che ha sempre avuto un forte legame con la gente.

Per cubane come Aleida Fernández e Maricela Rodríguez, l'eredità di Raúl Castro è molto di più che la nuova Costituzione, è lealtà e la certezza che "sì, si può" andare avanti, non importa quanto siano dure le difficoltà; e quell'opera trascende i nove decenni che ora ha celebrato.

Karina Brown Gonzalez, giornalista di Prensa Latina