Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Siria registra un aumento delle esportazioni nonostante il blocco

Damasco, 7 giu (Prensa Latina) Le esportazioni siriane sono aumentate del 50% durante il primo trimestre di quest'anno, ha rivelato oggi Fayez Qasouma, capo del comitato per le esportazioni della Camera di Commercio di Damasco.

 

Le esportazioni di frutta e verdura, in particolare verso i Paesi del Golfo Persico e l'Iraq, sono migliorate del 100% rispetto allo stesso periodo del 2020, ha detto Qasouma durante un incontro per analizzare la realtà e le prospettive del settore dell'export del paese.

Una media giornaliera di 100 camion refrigerati di frutta e verdura viene esportata attraverso i valichi di frontiera di Nassib con Giordania; e da Bukamal, con Iraq, mentre la media era di 50 nel 2020.

Il funzionario ha stimato un aumento della quantità di esportazioni di frutta e verdura nelle prossime settimane e ha evidenziato le agevolazioni concesse dal Ministero dell'Economia e del Commercio Estero e la buona domanda di prodotti siriani a causa dei loro bassi costi.

Il ministro dell'Economia, Samer Khalil, ha rivelato lo scorso aprile che il 2020 è stato l'anno migliore per le esportazioni del suo Paese dal 2013.

Le vendite all'estero dello scorso anno hanno superato quelle del 2019 di circa 643mila tonnellate e un valore approssimativo di 114 milioni di dollari.

Secondo i dati ufficiali, le esportazioni della Siria prima della guerra scoppiata nel 2011 ammontavano a quasi otto miliardi di euro, principalmente petrolio che il Paese importa a causa dell'occupazione di 90 dei giacimenti petroliferi da parte degli Stati Uniti.


Ig/fm