Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Siria presenta prove dell’appoggio degli Stati Uniti al terrorismo

Damasco, 11 giu (Prensa Latina) La Procura Militare Siriana ha presentato oggi prove inconfutabili che dimostrano l’appoggio degli Stati Uniti a gruppi terroristici, compresi quelli iscritti nell'elenco del territorio internazionale, con l'obiettivo di destabilizzare il paese.

Le prove sono state presentate in una conferenza stampa trasmessa dalla televisione nazionale del portavoce della Procura, che ha sottolineato come siano state raccolte negli ultimi anni, dopo un attento processo di ricognizione e indagine, svolto dai reparti e dai dispositivi delle forze armate siriane. Ha confermato l'esistenza di prove conclusive che gli Stati Uniti hanno selezionato un gran numero di terroristi, alcuni provenienti dall’Isis, e li hanno trasferiti nella loro base militare nella regione di al-Tanf, al confine siriano con Giordania. Questi estremisti ricevono un addestramento militare intensivo che generalmente dura tre settimane sotto la supervisione di specialisti statunitensi, prima di compiere atti di sabotaggio e attacchi terroristici, utilizzando moderne attrezzature militari e metodi di ricognizione, ha affermato il funzionario. Allo stesso modo, sono state proiettate una serie di immagini in cui compaiono diversi terroristi insieme al loro addestratore statunitense che li allena all'uso di missili TOW di fabbricazione statunitense e mortai calibro 82 mm. Inoltre, sono state presentate le confessioni di alcuni comandanti militari terroristi catturati dall'esercito siriano che hanno riconosciuto di aver ricevuto addestramento dalle forze statunitensi. “Quello che viene presentato oggi è un piccolo campione di molte prove conclusive che abbiamo, che ci permetterebbero di presentare accuse provate contro Washington sul suo ruolo nella preparazione e conduzione di operazioni terroristiche contro uno stato sovrano e membro delle Nazioni Unite”, ha affermato l’Ufficio del Pubblico Ministero. Ha rivelato che il Pentagono ha pagato terroristi per compiere attacchi diretti e assassinare ufficiali e soldati, siriani e russi. L'indagine è ancora in corso presso la Procura Militare per determinare il coinvolgimento di specifiche agenzie negli Stati Uniti nella gestione di tali attacchi, ha spiegato. Ha concluso che la propaganda di Washington sulla sua presunta lotta al terrorismo è stata esposta e la presenza dei suoi militari sul suolo siriano cerca di raggiungere i suoi interessi e non quelli di questo paese. Ig/fm