Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Disordini a Cuba, tecnologie e complicità degli USA

Cuba ha denunciato il governo degli Stati Uniti per la sua complicità nei disordini avvenuti l'11 luglio, in cui hanno utilizzato strumenti tecnologici per creare l'immagine della mobilitazione popolare che stanno cercando di difendere.

 

Il giorno prima, il ministro delle Relazioni Internazionali cubano, Bruno Rodríguez, aveva accusato l'amministrazione di quel paese settentrionale e in particolare quella dello stato della Florida di aver concesso fondi alla società Proactivo Miami Foundation Inc, coinvolta nell'articolazione della campagna per incitare la popolazione a compiere azioni di destabilizzazione.

Il ministro delle Relazioni Internazionali cubano ha denunciato in una conferenza stampa che Washington ha individuato nella pandemia della COVID-19 un'opportunità per rafforzare il bloqueo economico con motivazioni politiche, in un deliberato e crudele tentativo di soffocare il paese e provocare focolai sociali.

Lo dimostra il fatto che, delle 243 misure coercitive messe in atto dall'amministrazione Donald Trump (2017-2021) per intensificare l'assedio statunitense alla nazione caraibica, 50 sono state applicate durante l'emergenza sanitaria.

A ciò si aggiungono i milioni di dollari che la Casa Bianca stanzia ogni anno, pubblicamente o segretamente, per promuovere la sovversione, creare instabilità e fratturare il consenso sociale e la tranquillità dei cittadini, afferma Rodríguez.

Questa volta, però, le protagoniste sono state le tecnologie, perché attraverso i social network è iniziata la macchina della manipolazione, dell'incitamento alla violenza, dell'immigrazione irregolare, del disordine pubblico e persino dell'assassinio.

Quello che è successo domenica 11 luglio non è stato un movimento popolare come vogliono dimostrare, ha sottolineato, e ha spiegato che si trattava di un'operazione mediatica su larga scala, iniziata a metà giugno con i soldi del governo degli Stati Uniti.

Proactive Miami Foundation Inc appare al centro di tutto, in quanto questa società si è articolata con mass media progettati per attaccare l'isola delle Antille, tra cui ADN Cuba, e con gli utenti più prolifici nell'uso dell'etichetta #SOSCuba, che hanno convertito artificialmente in tendenza mondiale.

Per fare ciò, hanno utilizzato robot che hanno inviato milioni di messaggi in breve tempo, ha spiegato il capo della diplomazia cubana, che ha portato come esempio che un singolo account dalla Spagna ha inserito più di mille tweet, a una velocità di cinque al secondo.

Ha detto che hanno anche spinto gli influencer per promuovere l'etichetta e hanno fatto pressioni sulle persone reali per cambiare la loro posizione, in modo che sembravano vivere a Cuba e quindi sostenere che il 60% dei messaggi ha avuto origine nella nazione caraibica.

Rodríguez ha denunciato che la società Twitter non ha attivato le sue politiche antispam o chiuso account, nonostante gli avvertimenti ricevuti in merito a violazioni delle sue regole d'uso, in un atteggiamento che ha classificato come scandaloso e complice.

Irresponsabile è stata un'altra qualificazione usata dal ministro cubano, quando si riferiva ai politici statunitensi che promuovono l'invio di risorse navali dagli Stati Uniti all'isola.

Ci auguriamo che il governo degli Stati Uniti non persista nelle politiche dei suoi predecessori e che agisca con senso etico, ha affermato, sebbene sia rimasto sorpreso dall'impunità con cui vengono incoraggiati gli episodi di immigrazione.

Se avesse una sincera preoccupazione per Cuba, il presidente degli Stati Uniti potrebbe prendere decisioni esecutive e modificare sostanzialmente gli aspetti del bloqueo economico, compresi quelli relativi all'affrontare la pandemia, come quelli che ostacolano l'acquisizione di ventilatori polmonari, ha affermato Rodríguez.

Tuttavia, ha affermato, eventi come quelli di domenica non potranno separare Cuba dai suoi obiettivi: affrontare la pandemia, risolvere i problemi, intensificare gli scambi con i cittadini e il dibattito sulle loro preoccupazioni, nonché coinvolgere le persone nella ricerca di soluzioni.

Contiamo sulla solidarietà internazionale, ha aggiunto, e ha sottolineato che l'isola agirà sempre in modo sovrano.

Karina Brown Gonzalez, giornalista di Prensa Latina