Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Gli indigeni continuano a Bogotá senza una soluzione alle loro richieste

Bogotá, 18 ott (Prensa Latina) Le 13 comunità indigene impiantate nel Parco Nazionale continuano oggi a chiedere un tavolo di dialogo alla sindaca della capitale, Claudia López, per rispettare gli accordi raggiunti.

 

Secondo l'Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia, una delle comunità in quel luogo è la Katío, in cui la maggior parte della popolazione sono bambini e donne, anche donne incinte, alcune con minaccia di aborto, e altre in procinto di parto, così come minorenni colpiti dai gas lacrimogeni sparati dalla polizia.

 

Sebbene abbiano invitato le autorità della città e del paese a stabilire un dialogo per soluzioni strutturali alle loro richieste, invece di essere ascoltate, hanno utilizzato risorse legali e di polizia per farle uscire dal Parco Nazionale.

 

Di fronte a ciò che le popolazioni indigene considerano un abuso, si sono dichiarate in Resistenza permanente dallo scorso 10 ottobre.

 

Hanno ribadito di essere in condizioni malsane e non hanno nemmeno dato loro l'opportunità di dialogare per trovare soluzioni alle loro richieste.

 

Chiedono di risolvere i problemi abitativi e economici che stanno attraversando, l'inclusione delle popolazioni indigene che vivono nella capitale nelle politiche pubbliche e condizioni migliori per il ritorno alle loro terre ancestrali dopo essere state vittime di sfollamenti.

 

Tra le 1.300 e le 1.500 persone hanno iniziato ad arrivare dalla città di Chapinero dalla fine di settembre dopo essere state sfrattate dalle loro case nel quartiere Vista Hermosa di Ciudad Bolívar.

 

Ig/otf