Articles

Argentina ricorda Quino alla prima fiera senza di lui

Buenos Aires, 13 mag (Prensa Latina) La 46° Fiera Internazionale del Libro di Buenos Aires è la prima senza la presenza fisica di Joaquín Lavado (Quino); tuttavia, Mafalda e gli altri suoi personaggi oggi percorrono i corridoi e le strutture del centro espositivo La Rural.

 

Nato nella regione andina di Mendoza nel 1932, il celebre fumettista è scomparso il 30 settembre 2020, un giorno dopo il 56° anniversario della prima pubblicazione della sua creazione più emblematica.

 

In omaggio al suo lavoro, ammirato da grandi e piccini, la Sala José Hernández del Padiglione Rosso del quartiere fieristico ospita la mostra Querido Quino. Corrispondenza tra il fumettista e i suoi lettori, che dimostra lo stretto rapporto tra il creatore e i suoi seguaci.

 

Le lettere selezionate per la mostra fanno parte di una collezione donata da Lavado al Centro argentino per il fumetto e l'umorismo grafico della Biblioteca Nazionale Mariano Moreno.

 

"Cara Mafalda: ho capito che tutto quello che leggevo era vero perché mi succedeva sempre. La mamma dice che sono molto simile a te. Mi piacerebbe conoscerti. Il mio sogno sarebbe avere tanti amici come te", ha scritto una bambina di 10 anni nel 1984.

 

A loro volta, i fratelli Gregorio, Florencia, Mariana e Andrés assicurano in una lettera del 2014 che "Mafalda è fatta di tratti, di linee che non finiscono su un pezzo di carta, continuano fino a entrare nella pelle, passano attraverso la ragione e restano nel cuore”.

 

Ig/gas