Articles

Gli archeologi iniziano il difficile compito di restaurare Palmira, in Siria

Damasco, 13 mag (Prensa Latina) Una squadra di archeologi siriani e russi ha avviato la realizzazione di un difficile progetto per salvare i siti distrutti dai terroristi nell'antica città di Palmira, hanno riferito oggi le autorità culturali di questa nazione araba.

 

Gli specialisti, il cui lavoro richiede esperienza e rigore, hanno iniziato con la ricostruzione del vecchio Arco di Trionfo, fatto esplodere insieme ad altri monumenti nell'ottobre del 2015 dai terroristi del gruppo estremista Isis, che hanno invaso questa antica città, situata a 270 chilometri a nord-est di questa capitale.

 

La fase attuale include l'elenco e la documentazione di tutte le pietre principali nel sito dell'arco crollato, quindi il loro spostamento in un altro sito e ordinarle in maniera scientifica e sistematica, tenendo conto dei vecchi piani, ha dichiarato il vicedirettore del Dipartimento delle Antichità e dei Musei, Hummam Saad.

 

Sono stati presi in considerazione anche gli standard internazionali seguiti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per la cultura e le arti dell'UNESCO nei siti iscritti nella lista del patrimonio mondiale, ha aggiunto il funzionario.

 

Una volta completata la ricostruzione dell'arco, secondo Saad, inizierà immediatamente il restauro del Tempio di Baal Shamin, del Tetrapylo, della facciata dell'anfiteatro di Palmira e del famoso Tempio di Bel, tutti fatti saltare in aria dai terroristi .

 

Palmira, qui conosciuta come la Perla del deserto siriano, è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1980 per i suoi preziosi monumenti e rovine risalenti all'epoca romana e il 20 giugno 2013 questa città è stata inclusa nella Lista dei Siti in pericolo del Patrimonio Mondiale.

 

 

Ig/fm