Articles

Il revolver di Pancho Villa restituito da Cuba all’esposizione “Grandeza de México”

Città del Messico, 18 mag (Prensa Latina) Il revolver di Francisco Villa, restituito da Cuba al Messico durante la visita del presidente Andrés Manuel López Obrador, fa ora parte dell’esposizione “Grandeza de México”, la più importante del paese.

L'arma calibro 38 è stata consegnata al presidente a L'Avana dal presidente Miguel Díaz-Canel, in una cerimonia solenne, in cui è stato spiegato che era stata realizzata su istruzioni del leader rivoluzionario Francisco I. Madero e consegnata a Villa, la cui il vero nome è Jose Doroteo Arango.

Il pezzo storico è stato incorporato nella collezione della mostra temporanea “Grandeza de México”, presso la sua sede nel Museo Nazionale di Antropologia (MNA), dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH).

È stato collocato nella Sala della Rivoluzione della mostra in un atto guidato dalla Segretaria alla Cultura del governo del Messico, Alejandra Frausto Guerrero; e dal direttore generale dell'INAH, Diego Prieto Hernández.

Il responsabile della politica culturale messicana ha sottolineato che si tratta di uno straordinario gesto di collaborazione, amicizia e fratellanza di Cuba per Messico.

Il revolver è stato prodotto a Éibar, in Spagna, nel 1910 dalla ditta Iriondo y Guisasola. I suoi materiali sono costituiti da acciaio e oro, ed è adornato con figure in giallo e dettagli in blu, oltre a una "U" con una doppia corona reale come iscrizione.

Questo è un pezzo storico e artistico, ma anche un oggetto che racchiude una diversità di significati: in primo luogo, il rapporto tra il leader che ha dato inizio alla rivoluzione messicana e il caudillo il cui ruolo è stato fondamentale nello sviluppo di questo episodio storico", ha dichiarato l'antropologo Diego Prieto Hernández.

Ig/lma