Articles

In Israele crescono le critiche alla marcia di destra attraverso Gerusalemme Orientale

Tel Aviv, 27 mag (Prensa Latina) Membri del governo e legislatori israeliani oggi hanno criticato una prevista sfilata di coloni di destra ed ebrei nell'area occupata di Gerusalemme, approvata dal primo ministro Naftali Bennett nonostante gli avvertimenti di violenze. 

La cosiddetta Marcia delle Bandiere è una spregevole provocazione, ha detto al quotidiano Maariv il deputato arabo-israeliano Walid Taha.

"La determinazione del percorso di marcia non può essere separata da considerazioni politiche. Questo è un percorso politico provocatorio, che solleva interrogativi. Lo stato non deve cadere nella trappola di un gruppo di estremisti assetati di sangue", ha sottolineato.

Il capo della Pubblica Sicurezza israeliano, Omer Barlev, ha dato la scorsa settimana il via libera al tradizionale percorso che attraversa la Porta di Damasco e attraversa il quartiere musulmano fino a raggiungere il cosiddetto Muro occidentale o del Pianto, il luogo più sacro dell'ebraismo.

Da parte sua, il ministro dell'Ambiente, Tamar Zandberg, ha affermato che questa marcia mette in pericolo la vita di israeliani e palestinesi.

Siamo tutti vittime, ha detto il funzionario, membro del partito Meretz, che difende l'intesa tra i due popoli.

In dichiarazioni alla stazione radio 103FM, il viceministro dell'Economia e anche lui un membro di Meretz, Yair Golan, ha denunciato che questo evento è diventato una manifestazione nazionalista, accompagnata da appelli per "uccidere gli arabi".

"Se entri nel quartiere musulmano è una provocazione. Non lanceranno fiori agli abitanti di Gerusalemme", ha detto il deputato al quotidiano Israel Hayom.

Ogni anno i palestinesi che vivono nella zona devono chiudersi nelle loro case e paralizzare la vita commerciale ed economica a causa degli attacchi fisici e verbali dei partecipanti, secondo numerose denunce.

Ig/rob