Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

L'America Latina celebra la vittoria del Patto Storico in Colombia

Governi, leader politici e sociali e organizzazioni della società civile di tutta l'America Latina celebrano oggi la vittoria elettorale del Patto Storico in Colombia, che ha deciso per il progressismo, la pace e l'integrazione continentale. L'elezione di Gustavo Petro e Francia Márquez rispettivamente a presidente e vicepresidentessa del paese ha segnato una pietra miliare nella storia della nazione sudamericana, ha affermato in un messaggio il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador.

"Il trionfo (...) può essere la fine di questa maledizione e l'alba per questo popolo fraterno e degno. Congratulazioni", ha scritto sul suo profilo di Twitter.

Il duo del Patto Storico ha prevalso alle urne con oltre il 50% dei voti validi, risultato che il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha descritto come un riflesso della volontà della maggioranza.

"Si è ascoltata la volontà del popolo colombiano, uscito per difendere la via della democrazia e della pace. Tempi nuovi si preparano per questo paese fraterno", ha detto Maduro, che ha anche sostenuto l'inizio di una nuova fase delle relazioni tra le due nazioni.

"Il governo bolivariano del Venezuela esprime la più forte volontà di lavorare alla costruzione di una fase rinnovata di relazioni globali per il bene comune della nazione che condividiamo protetta da due Repubbliche sovrane", si legge in una nota del ministero degli Esteri venezuelano.

Su queste linee si è espresso anche il governo di Cuba, il cui presidente, Miguel Díaz-Canel, ha riaffermato la sua volontà di avanzare nello sviluppo delle relazioni bilaterali per il benessere di entrambi i popoli.

I presidenti del Perù, Pedro Castillo; del Cile, Gabriel Boric; e della Bolivia, Luis Arce, hanno evidenziato la possibilità che la vittoria alle elezioni di questa domenica significhi rafforzare l'integrazione latinoamericana.

Anche il candidato e ampiamente favorito alla presidenza del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, ha accolto con favore il risultato elettorale perché "rafforza la democrazia e le forze progressiste in America Latina".

Petro e Márquez hanno prevalso al secondo turno contro il candidato della Lega governativa anti-corruzione, Rodolfo Hernández e la sua compagna di campagna, Marelen Castillo, risultato che è stato applaudito dal Gruppo Puebla, per essere stato il primo governo di sinistra nella storia della Colombia.

Messaggi di congratulazioni sono arrivati anche dal segretario generale dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America, dal Movimento Nazionale per l'Indipendenza Hostosiana di Porto Rico e dal governo dell'Argentina, tra gli altri.

Redazione di America Latina di Prensa Latina