Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Cuba commemora il 25° anniversario della scoperta delle spoglie del Che

L'Avana, 28 giu (Prensa Latina) Cuba commemora oggi il ritrovamento delle spoglie mortali di Ernesto Che Guevara, considerato una pietra miliare nella storia cubana e simbolo di vittoria per un'intera generazione.

 

Il 28 giugno 1997 i corpi del guerrigliero argentino-cubano e di altri sei suoi compagni combattenti sono stati trovati sotto la pista di un aeroporto della città di Vallegrande, in Bolivia, dove 30 anni prima erano stati uccisi dai soldati di questo paese.

Il governo boliviano aveva concesso 48 ore per completare il lavoro della spedizione cubana, che stava lavorando intensamente nel sud-est della nazione andino-amazzonica dopo che una testimonianza del generale in pensione Mario Vargas Salinas, teste dell'omicidio, era stata resa pubblica.

Fino ad allora, per decenni, i ricercatori cubani e quelli di altre nazionalità hanno raccolto informazioni dalle testimonianze dell'epoca, un compito che ha facilitato il lavoro di geologi, antropologi forensi, biologi, geofisici ed altri studiosi di scienze sociali cubane di 15 istituzioni.

Il dottore in Scienze Mediche, Jorge González, allora direttore dell'Istituto di Medicina Legale de L'Avana, fu incaricato dal leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, di dirigere la ricerca scientifica, che dovette essere condotta sotto molteplici pressioni a causa del simbolismo che aveva.

Sotto custodia, i resti furono studiati sul suolo boliviano e sottoposti a numerosi test di identificazione, e il 12 luglio 1997 giunsero a L'Avana, dove furono ricevuti con onore e rispetto. Un'intera generazione di cubani è stata segnata dalle immagini dell'arrivo delle bare all'aeroporto militare di San Antonio de los Baños e del loro successivo trasferimento al mausoleo della città di Santa Clara, nel centro di Cuba, dove il Che condusse una delle più importanti battaglie della guerra di liberazione.

Attualmente milioni di persone hanno visitato la struttura, che custodisce anche documenti, foto e pezzi storici legati alla vita e all'opera del famoso “Guerrillero Heroico”.

Ig/jfs