Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Cuba condanna le dichiarazioni dell'UE per aver violato l'accordo di dialogo

Cuba ha affermato che le recenti dichiarazioni sull'isola delle istituzioni dell'Unione Europea (UE) sono contrarie ai principi dell'Accordo di Dialogo Politico e Cooperazione (ADPC) tra le due parti.

Il direttore generale degli Affari Bilaterali del Ministero di Relazioni Internazionali di Cuba, Emilio Lozada, ha affermato che i messaggi, compresi quelli del portavoce Peter Stano, non rispettano le idee consolidate di uguaglianza, non ingerenza e rispetto della sovranità delle parti.

"L'UE dovrebbe abbandonare i suoi doppi standard e affrontare gravi violazioni dei diritti umani che coinvolgono i suoi stati membri", ha scritto il diplomatico sul suo account ufficiale di Twitter.

La scorsa settimana Stano ha rilasciato dichiarazioni in merito alle condanne sull'isola dei cittadini Luis Manuel Otero Alcántara e Maikel Castillo Pérez, condannati per reati contemporanei.

Al riguardo, il portavoce ha fatto riferimento in un tweet alla presunta preoccupazione dell'UE e ha invitato le autorità cubane a rispettare tutti i diritti civili e politici.

Otero Alcántara è stato condannato a cinque anni di reclusione per i reati di oltraggio ai simboli del Paese, disprezzo e disordine pubblico, dopo che la Corte ha dimostrato che l'imputato ha utilizzato la bandiera nazionale per atti denigratori e diffuso quei contenuti nelle piattaforme virtuali.

Nel frattempo, Castillo Pérez è stato condannato a nove anni di carcere per oltraggio, aggressione, disordine pubblico e diffamazione di istituzioni e organizzazioni, eroi e martiri.

Secondo la Procura generale, il cittadino, con il manifesto scopo di oltraggiare, ledere l'onore e la dignità delle massime autorità del paese, ha utilizzato false immagini che ha reso pubbliche sui social network; e con lo stesso scopo ha svolto interventi diretti a disonore della funzione che le forze dell'ordine svolgono nella società.

L'ADPC, firmato da Cuba e dall'Unione Europea nel 2016, ha permesso di intensificare la cooperazione ed ha generato opportunità di scambio su questioni di reciproco interesse, come i diritti umani, le misure coercitive unilaterali e lo sviluppo sostenibile.

Claudia Gonzalez Corrales,giornalista di Prensa Latina