Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Denunciano che l'attacco israeliano a Gaza aveva un obiettivo elettorale

Ramallah, 10 ago (Prensa Latina) La recente ondata di bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza è stata lanciata dal governo di Tel Aviv per ottenere il sostegno elettorale alle elezioni del 1° novembre, hanno concordato oggi due analisti palestinesi.

L'escalation degli attacchi mirava solo a raccogliere voti a spese del sangue palestinese, ha detto lo scrittore ed esperto Zulfikar Soergo all'agenzia di stampa Safa.

Con l'aggressione, il primo ministro israeliano Yair Lapid vuole dimostrare di essere in grado di proteggere il suo paese, ha sottolineato.

Naji al-Battah ha parlato in modo simile, osservando che sia Lapid che il ministro della Difesa Benny Gantz cercano il sostegno dei settori di destra.

Secondo l'analista, il 75% degli israeliani è considerato di destra e quindi "lo spargimento di sangue palestinese aumenta le possibilità di ottenere i loro voti".

Nei giorni scorsi diversi legislatori israeliani di origine di sinistra o araba hanno affermato che l'operazione militare aveva sfumature elettorali.

Questo nuovo crimine di guerra fa parte di una campagna elettorale immorale per dimostrare che possono essere criminali quanto Netanyahu, ha sottolineato Naji al-Battah, riferendosi al leader dell'opposizione Benjamin Netanyahu, che l'anno scorso durante il suo mandato ha bombardato la Striscia di Gaza.

L'offensiva di 66 ore contro l'enclave costiera ha ucciso 47 palestinesi, di cui 16 minorenni, e ne ha feriti più di 360.

Ig/rob