Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Le forze statunitensi saccheggiano ogni giorno 66.000 barili di petrolio siriano

Damasco, 11 ago (Prensa Latina) Il ministro siriano del Petrolio e delle Risorse Naturali, Bassam Tome, ha denunciato oggi che le forze statunitensi presenti illegalmente nel paese saccheggiano 66.000 barili di petrolio sugli 80.000 che il paese produce quotidianamente.

 

La maggior parte dei giacimenti petroliferi si trovano nella regione nord-orientale di al-Jazira occupata dall'esercito del Pentagono e dalla sua milizia separatista locale, le Forze Democratiche Siriane, ha denunciato il ministro del ramo durante la riunione semestrale dei direttori del ministero e le istituzioni e le aziende da essa dipendenti.

 

Ha rivelato che le perdite nel settore petrolifero ammontano a 105 miliardi, mentre 235 lavoratori del settore hanno perso la vita, 46 sono rimasti feriti e 112 sono dispersi dopo essere stati rapiti.

 

Per quanto riguarda il gas, la produzione giornaliera ha raggiunto gli 11,3 milioni di metri cubi, di cui 11,1 milioni consegnati alle centrali elettriche del paese.

 

Il ministro ha anche annunciato che la produzione di fosfato durante la prima metà dell'anno in corso è stata di un milione di tonnellate con un adempimento del piano del 70%.

 

Prima della guerra, Siria produceva più di 380.000 barili di greggio al giorno, mentre attualmente importa petrolio per soddisfare il proprio fabbisogno locale, stimato in 165.000 barili al giorno.

 

Ig/fm