Articles

Giudice che ha concesso l'habeas corpus all'ex vicepresidente dell'Ecuador è indagato

Quito, 11 agosto (Prensa Latina) L'ufficio del procuratore ecuadoriano ha ordinato oggi di avviare un'indagine di 90 giorni contro il giudice Banny Molina, che ha concesso un habeas corpus all'ex vicepresidente Jorge Glas.

 

Il magistrato è accusato di presunta partecipazione ad usurpazione e simulazione di pubbliche funzioni.

 

Le azioni si svolgono poche ore dopo l'arresto del giudice delle Garanzie Penitenziarie, provvedimento che è stato cambiato in arresti domiciliari, deciso dal Tribunale Provinciale della provincia di Manabí.

 

La nuova sentenza prevede il divieto di lasciare il paese ed una richiesta al Servizio Nazionale per l'attenzione globale alle persone private della libertà (SNAI) per il posizionamento del dispositivo di sorveglianza elettronica.

 

La denuncia contro Molina è stata presentata dal direttore generale del Consiglio della Magistratura, Andrés Peñaherrera, che ha affermato che il magistrato ha emesso l'ordinanza per la liberazione di Glas e di altre due persone private della libertà lo stesso giorno in cui è stato chiamato a processo (5 agosto).

 

L'arresto e l'avvio del processo al giudice è stato ampiamente criticato da organizzazioni sociali, difensori dei diritti umani e sostenitori dei casi contro l'ex vicepresidente Jorge Glas, considerato una vittima politica del governo precedente e quello attuale.

 

Il magistrato ha disposto la scarcerazione dell'ex vicepresidente per "effetto inter comunis" (sentenza di tutela che, eccezionalmente, si estende a situazioni specifiche per coloro che, pur non promuovendo la tutela costituzionale, risentono ugualmente della situazione di fatto o di diritto motivante di un habeas corpus concesso a un detenuto con problemi di salute).

 

 

Ig/scm