Articles

L'ONU avverte sullo stato di salute dei palestinesi in sciopero della fame

Ramallah, 12 ago (Prensa Latina) La coordinatrice umanitaria delle Nazioni Unite per Palestina, Lynn Hastings, ha avvertito oggi della grave situazione sanitaria del prigioniero palestinese Khalil Awawdeh, dopo oltre 150 giorni di sciopero della fame in Israele per chiedere la sua liberazione.

Awawdeh, 40 anni, è stato arrestato il 27 dicembre 2021 senza accusa e da allora è detenuto in questo paese, ha scritto il funzionario delle Nazioni Unite sul suo account di Twitter.

"Il diritto internazionale garantisce ai detenuti il diritto di essere informati delle accuse a loro carico, di un equo processo o di essere rilasciati", ha sottolineato.

Da parte sua, il Centro d'Informazione Israeliano per i Diritti Umani nei Territori Occupati (B'Tselem) ha intervistato la moglie del prigioniero, che ha riferito che da febbraio nessun membro della famiglia ha potuto fargli visita a causa del rifiuto di Tel Aviv.

"Io e le mie figlie siamo molto preoccupate per lui. Temo che il peggio possa accadere da un momento all'altro", ha detto.

Prima del suo attuale arresto, Awawdeh ha trascorso 12 anni nelle carceri israeliane, 6 delle quali sotto la politica di detenzione amministrativa, ha osservato B'Tselem.

Questo è un meccanismo utilizzato da Tel Aviv per detenere palestinesi senza accusa o processo per intervalli rinnovabili che generalmente vanno da tre a sei mesi sulla base di prove non divulgate che neanche l'avvocato dell'imputato può vedere.

Ig/rob