Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Il gruppo dissidente delle FARC annuncia il cessate il fuoco in Colombia

In risposta all'appello del presidente Gustavo Petro per raggiungere la pace totale in Colombia, il 36° Fronte dei dissidenti delle estinte FARC ha annunciato un cessate il fuoco nel dipartimento di Antioquia.

Attraverso un comunicato, diffuso su diversi giornali locali, il gruppo ha espresso la propria disponibilità a negoziare nell'ambito della politica di pace totale promossa dal governo Petro.

 

"Ci siamo affidati innumerevoli volte a negoziazioni e soluzioni politiche per questo conflitto, e la nostra storia di resistenza come popolo flagellato dalle armi lo dice, e continueremo a farlo. Abbiamo imparato da ogni battuta d'arresto ed errore e non chiudiamo mai la porta. Crediamo che la pace sia costruita sulla soluzione dei bisogni", ha affermato il gruppo dissidente delle ex Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia-Esercito del Popolo (FARC).

 

Il Fronte ha ritenuto che la pace si costruisca sulla soluzione degli immensi bisogni e dei divari sociali che ancora esistono in Colombia e non semplicemente sulla consegna di una manciata di armi, senza dire che la cessazione delle ostilità non è necessaria.

 

Secondo il testo diffuso questo giovedì, il gruppo di guerriglia ha indicato di apprezzare immensamente il lavoro di coloro che, da una sponda diversa, combattono e chiedono che la guerra si fermi ogni giorno, così come i diversi annunci del governo per realizzare pace totale, "ancora un sogno, ma non impossibile da realizzare".

 

"Non neghiamo le enormi differenze che abbiamo con i paramilitari e le forze militari, anche alleate tra di loro. Eliminarli sarà un fattore importante per garantire la pace totale, ma anche così, siamo disposti a sederci ad un tavolo. Proponiamo che anche altri attori armati facciano dichiarazioni”, ha aggiunto il 36° Fronte.

 

Il gruppo ha assicurato di aver già deciso chi saranno i suoi delegati in quello spazio ed i loro nomi saranno annunciati al momento e con i mezzi appropriati.

 

Il 27 agosto Petro ha proposto ai diversi gruppi armati del paese un cessate il fuoco multilaterale per avviare un processo di negoziati per raggiungere la pace totale.

 

Secondo Petro, "tutti i gruppi che hanno una presenza illegale nel territorio hanno inviato lettere al governo dicendo di volere la pace".

 

Odalys Troya Flores, corrispondente di Prensa Latina in Colombia