Articles

Mandato di arresto in Venezuela contro le persone coinvolte nella corruzione a Monómeros

Caracas, 22 sett (Prensa Latina) Il governo venezuelano ha presentato oggi mandati di cattura internazionali contro 23 cittadini direttamente collegati al furto e alla distruzione della compagnia venezuelana Monómeros, a Barranquilla, in Colombia.

Parlando ai giornalisti, il vicepresidente di settore dell'Economia, Tareck El Aissami, ha spiegato quello che ha definito il nuovo "complotto di corruzione, distruzione e furto perpetrato" da settori di estrema destra nel suo paese.

 

Ha denunciato che l'azienda, sussidiaria di Pequiven (Petroquimica de Venezuela SA), è oggi un "cimitero di rovine, totalmente devastato e con una capacità produttiva pari allo zero per cento".

 

Le immagini presentate in televisione e circolate attraverso i social network hanno messo in luce il deterioramento avanzato della struttura, che è riuscita a garantire il 37% dei fertilizzanti utilizzati nelle campagne colombiane.

 

Con la rottura delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Colombia nel 2019, l'allora presidente Iván Duque (2018-2022), l'autoproclamato presidente Juan Guaidó e Leopoldo López sono entrati in un compromesso ed hanno passato i destini dell'industria nelle mani di un relativo consiglio di amministrazione.

 

El Aissami ha accusato l'ex presidente colombiano, il latitante della giustizia López e Guaidó, di essere i colpevoli della distruzione di Monómeros.

 

Ha affermato che questa "trilogia del male" ha utilizzato le istituzioni colombiane e ha rubato tutto quello che poteva, che era proprietà del Venezuela.

 

Non solo hanno perpetrato una rapina, ma hanno cercato di espropriare Pequiven ed hanno avuto un impatto negativo sull'attività primaria dei contadini e dei produttori in Colombia, ha concluso.

 

Ig/jcd