Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Alicia Alonso, la ballerina del popolo cubano

Mancavano solo due mesi per celebrare il 99° compleanno, sobriamente e intimamente, quando Alicia Alonso ha deciso con la sua tenacia manifesta e assiomatica di crollare, il 17 ottobre 2019, sottraendo ore all'emblematica Giornata Nazionale della Cultura.

 

Ha ricoperto incarichi direttivi negli organi di sicurezza dello Stato.C'era un numero immenso di persone al suo addio, totalmente spontaneo e senza inviti precedenti, non è stato necessario invitare agenti di protezione; il suo popolo, sovrano, disciplinato, la scortava e dimostrava il suo affetto, traboccando in applausi.

C'erano altri accompagnamenti, meno tesi e pieni di soddisfazione per il proprio sano orgoglio, quelli di corteggiarla e di stare con lei nei suoi compleanni, prossimi al 21 dicembre, come si faceva sempre, talvolta a casa sua o nell'istituto.

Anche se non del tutto pubblicamente per non offuscare o compromettere la sua immagine legandola a noi, e per la preoccupazione di Alicia, che la proclamava orgogliosa e spensierata, ma davanti ai suoi nemici, che non smettevano di assediarla per la sua “cubanità”, integrità e lealtà al Comandante in Capo Fidel Castro e la Rivoluzione Cubana.

Questo l'avvicinava al suo popolo, che tanto l'amava, la riconosceva e l'idolatrava, molto diafana e sovrapposta alla sua arte, originaria dei ceti abbienti; la diva, con i suoi approcci peculiari, riuscì a radicarla nel patrimonio popolare.

 

Nelson Domínguez Morera, colonnello in pensione, collaboratore di Prensa Latina