Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Cuba

Caro Pablo: Spagna offre le sue lacrime per il cantautore cubano

Famosi e sconosciuti si sono susseguiti, per offrire le loro lacrime alle spoglie mortali di Pablo Milanés in Spagna.

 

Così, in una giornata grigia e piovosa, nomi propri come Ana Belén, Massiel, Fito Páez, Jorge Drexler, Juan Echanove, sono passati per la sala Cervantes della Casa de América di Madrid, una corona nel nome di Jimena e di suo marito Joaquín Sabina, Edesio Alejandro e centinaia di persone che hanno reso omaggio all'autore di “Yolanda”.

Morto in un ospedale di questa capitale all'alba del 22 novembre all'età di 79 anni, la figura di Pablo Milanés è stata anche oggetto di accorati messaggi del presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, della sua seconda vicepresidente, Yolanda Díaz, e delle dichiarazioni del capo della Cultura e dello Sport, Miquel Iceta.

Inoltre, il vincitore di un Oscar e 13 Latin Grammy, l'uruguaiano Jorge Drexler, che a parte la stampa ha chiesto di parlare poco, lo ha fatto, visibilmente commosso.

“Pablo è stato qualcosa di molto importante nella mia vita professionale, grazie a lui sono riuscito ad entrare in Spagna. Non sai com'era godersi Pablo che cantava in una stanza", ha commentato l'autore di Al otro lado del río.

Il ministro Iceta, che ha chiacchierato a lungo con i parenti più stretti di Milanés, ha dedicato al cubano parole accorate.

“È molto triste vedere partire uno dei musicisti che ha saputo unire l'America Latina con Spagna; qualcuno che ci ha segnato con le sue canzoni; se ne va, ma ci lascia per sempre le sue melodie vendicative e anche romantiche”.

L'argentino Fito Páez ha espresso eloquentemente i suoi sentimenti.

“Abbiamo perso uno dei più grandi artisti del XX secolo e anche del XXI. Soprattutto, ha lasciato un'impressionante eredità di qualità e bellezza in cui tutti dovremmo respirare un po' in questi tempi bui”.

Molto vicino alla Puerta de Alcalá, la fontana di Cibeles, dalle 10:30 alle 15:30 ora locale, centinaia di persone non hanno mancato di visitare la cappella funeraria, molte con fiori e lacrime agli occhi.

Un ambiente che avrebbe ricordato all'enorme compositore cubano le sue alternanze con amici come Ana Belén e Víctor Manuel, Miguel Ríos, Joan Manuel Serrat, Luis Eduardo Aute, Chico Buarque, Mercedes Sosa, Amaya Uranga e Silvio Rodríguez, nell'album Querido Pablo del 1985.

Il tentativo si ripeterà, prova del suo prestigio e della sua proiezione con Pablo Querido, nel 2002, accanto a un'altra sfilza di stelle del pentagramma iberoamericano, tra cui Gal Costa, Fito Páez, Ricardo Arjona, Joaquín Sabina, Juan Formell e il Van Van , Manà, Alberto Cortez e Caetano Veloso.

“Torneremo per le strade e piangeremo gli assenti nel tuo nome. La musica di Pablo Milanés sarà sempre con noi. Ha dato voce alla vita ed ai sentimenti di un'intera generazione”, ha sottolineato Pedro Sánchez sul suo account di Twitter.

Alejandro Sanz, Raphael, Ismael Serrano, Víctor Manuel, Diego Luna, Pastora Vega e María Isabel Lago, si sono uniti agli omaggi.

Allo stesso modo, il Balletto Nazionale di Cuba e l'ambasciatore dell'isola caraibica in Spagna, Marcelino Medina.

Quasi sottovoce, due giovani donne spagnole canticchiavano frammenti di Yo no te pido, La vida no vale nada, El tiempo pasa, El breve espacio en que no estás, Yolanda (..), finché non raggiunsero il Caro Pablo.


Fausto Triana, corrispondente di Prensa Latina in Spagna