Articles

Gabriel Boric descrive il bloqueo degli Stati Uniti contro Cuba come vergognoso

Buenos Aires, 24 gen (Prensa Latina) Il presidente cileno Gabriel Boric ha definito oggi ignominioso il bloqueo mantenuto dagli Stati Uniti contro Cuba, intervenendo al VII Vertice della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (Celac).

 

“La politica di esclusione non offre risultati autentici e duraturi. Lo dimostra la storia dell'America Latina e dei Caraibi con l'ignominioso bloqueo degli Stati Uniti contro Cuba e più recentemente contro Venezuela”, ha dichiarato il presidente.

Boric ha affermato che la politica estera del suo paese ha una profonda vocazione al multilateralismo, che favorisce il coordinamento e la cooperazione internazionale per affrontare le sfide attuali e future.

"Lo abbiamo detto al Vertice delle Americhe e lo abbiamo ribadito al Vertice Celac: l'esclusione e l'isolamento non sono una soluzione ai problemi che affliggono i nostri popoli", ha affermato.

Il presidente ha ritenuto che l'incontro al vertice della Celac sia un'occasione ideale per affrontare problemi comuni e uno di questi è la crisi migratoria, che, ha affermato, non può essere risolta isolatamente.

In questo senso ha chiamato a riattivare gli incontri sulla migrazione che sono stati paralizzati per anni.

Ha inoltre auspicato politiche comuni per contrastare la criminalità organizzata che trascende i confini nazionali e per questo ha esortato a coordinare il lavoro delle istituzioni e delle forze dell'ordine.

Il presidente cileno considera prioritario affrontare la crisi climatica ed ha espresso la sua fiducia che insieme sia possibile affrontarne le sfide.

 

Ig/car